Studio Cantu Commercialista

Servizio professionale

 

Questo Studio è nato dalla precisa volontà di fare bene il proprio lavoro mettendo il cliente al centro dell'attenzione. Può anche essere che non sempre ci si sia riusciti, ma nessuno potrà mai affermare che abbiamo anteposto i nostri interessi a quelli del cliente.

You are here: Home News Enti locali
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
News 2011 Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 22 Gennaio 2011 11:37

01-01-2011 Le News. - Leggere i giornali non è tutto. Credo che predisporre un servizio come questo, anche se non regolare, possa implementare compiutamente ciò che già vi viene inviato a mezzo e-mail (circolari, monografie, circolari assicurative). Non posso assumermi peraltro la resposabilità di ciò che viene scritto: lo sbaglio e la modifica di legge sono sempre in agguato. Mi auguro comunque che lo troviate utile; buona lettura a tutti.

16-12-2011 - Tasso di interesse legale. - Il Ministero dell’Economia con pubblicazione in “Gazzetta Ufficiale” n. 291 del 15 dicembre ha previsto l’aumento di un punto percentuale del tasso degli interessi legali a seguito della crescita dell’inflazione e del consequenziale aumento dei tassi di interessi correnti sul mercato finanziario. Conseguentemente  “la misura del saggio degli interessi legali di cui all'art. 1284 del codice civile è fissata al 2,5% in ragione d'anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2012”.

15-12-2011 - La manovra Monti (03) Utilizzo del contante. -  A seguito della recente manovra ricordo che i  libretti al portatore con saldo pari o superiore a 1.000 euro devono essere estinti o ridotti al di sotto di tale limite. Se l'adempimento era previsto entro il 31 dicembre pv ora è stata prevista la possibilità di effettuarlo entro il 31 marzo 2012. Ricordo che le sanzioni sono particolarmente pesanti con il minimo di 3.000 euro. Peraltro se il saldo del libretto è compreso tra 1.000 e  3.000 euro  la sanzione è pari all'importo del libretto.

12-12-2011 - La manovra Monti (02) Detrazioni del 36 e 55%. - E' stata prorogata la detrazione fiscale del 55% per il risparmio energetico al 31 dicembre 2012. Inoltre è stata mandata a "regime" la detrazione del 36%  per le spese di ristrutturazione edilizia sostenute, per un importo non superiore a 48.000 euro per ciascuna unità immobiliare.

09-12-2011 - Accertamento bancario senza segreti. - Senza più segreti i rapporti bancari per il fisco. Infatti dal 1^ gennaio 2012 l’estratto conto bancario, dovrà essere inviato periodicamente dalle banche all’Age. Così facendo l'Age disporrà in tempo reale tutte le informazioni che necessitano per definire quali siano i soggetti da accertare in ragione di eventuali disallineamenti tra movimenti bancari e reddito. Inoltre non dpvrà più andare "in caccia" dei rapporti bancari dei contribuenti essendo loro che verranno forniti direttamente dagli operatori finanziari.

03-12-2011 - La manovra Monti. (01) - La manovra Monti è in arrivo e le voci sul suo contenuto oramai stanno assumendo caratteristiche che potremmo definire "fantozziane" se non si trattasse di faccende maledettamente serie. Mi auguro solo che a partecipare al ripianamento del debito pubblico siano in egual misura i politici (rinunciando ai loro privilegi) e gli evasori (quelli belli grossi in particolare). Se tutto si risolvesse alla solita benzina, iva, ici, aliquote irpef, sarebbe una vera delusione.

 01/12/2011 - Acconti e codici tributo. - L'Age con la risoluzione n. 117/E di ieri ha diffuso i codici tributo che si dovranno inserire in modello F24 onde permettere a coloro che hanno versato un acconto Irape/Ires superiore all'82% (e cioè al 99%), di effettuare le compensazioni.

26-11-2011 - PEC. - L'obbligo di dotarsi di PEC entro il prossimo 29 novembre per evitare sanzioni è stato prorogato al 31 dicembre. Siamo alle solite, la certezza del diritto in Italia oramai è un optional, e ciò a dispetto degli operatori osservanti delle regole, che si organizzano e fanno anche dei sacrifici per ottemperare alle norme.

24-11-2011 - Acconti IRPEF/IRES. - Gli acconti Irepf/Ires sono stati ridotti con comunicato stampa dal 99 all'82%: non mi convince! Da sempre lo stato non ha mai regalato nulla ai suoi cittadini e fiuto la "fregatura" che potrebbe chiamarsi patrimoniale, ici prima casa, Iva, accise sulla benzina, eccetera. Speriamo che tale "zuccherino" non nasconda un nuovo prelievo del 6 per mille sui conti correnti come fece il signor Giuliano Amato (sì proprio colui che era in lizza per essere chiamato a salvarci) nei primi anni novanta...

20-11-2011 - Riforma delle professioni. - La legge di stabilità prevede tra le altre novità, la possibilità di costituire società di professionisti e la futura revisione delle professioni da effettuarsi entro un anno: gli albi hanno "preso al volo" un'altra occasione per farsi dire dagli altri come devono fare il loro lavoro. Una riforma interna, al passo con i tempi, che non badasse solo al mantenimento di posizioni indifendibili sarebbe stata auspicabile.

13-11-2011 - Legge di stabilità. - Non avevamo ancora finito di leggere la manovra di agosto e ci tocca la legge di stabilità approvata ieri. Come d'abitudine i clienti dello studio riceveranno una circolare esplicativa delle più rilevanti novità.

05-11-2011 - Contribuenti minimi. - Con il 1^ gennaio prossimo cambierà la normativa sui minimi. E' opportuno quindi che chi si trova in questo regime effettui un necessario "tagliando" di controllo. Ricordo che dal prossimo anno, l'imposta sostitutiva passa dal 20 al 5% ma i requisiti per poterne beneficiare sono stati ristretti. L'Age ha affermato che la nuova normativa ha carattere antielusivo; allo scrivente pare invece un indiretto invito per coloro che usciranno forzatamente da questo regime, ad entrare nel mondo del sommerso.

29-10-2011 - Irap e taxisti. - La Cassazione con recente sentenza del 06 ottobre scorso (n. 20454) ha sancito che "non è soggetto ad IRAP, in quanto piccolo imprenditore privo di autonoma organizzazione, il tassista che per l’esercizio dell’attività utilizza soltanto un veicolo, un computer ed un telefono cellulare...".

25-10-2011 - Imposta di bollo. - L’Age, con la circolare 46 del 24 ottobre 2011, fornisce risposte in merito ai quesiti giunti dal settore bancario e finanziario in merito all’imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli inviate dagli intermediari finanziari (anche le Sim), alla luce del Dl 98/2011. Viene detto che: a) le comunicazioni relative ai depositi di titoli con saldo zero non devono scontare l’imposta di bollo né sulla comunicazione periodica, né su quella relativa alla chiusura del rapporto; b) le società di intermediazione mobiliare devono applicare l’imposta di bollo sulle loro comunicazioni, per la data di emissione della comunicazione il riferimento è a quella di chiusura del rendiconto; c) nel calcolo dell’imposta è da considerare il valore complessivo dei titoli detenuti presso lo stesso intermediario individuando quello economicamente più rilevante; d) mentre, per il deposito di maggiore ammontare l’imposta va calcolata sommando il valore di tutti i depositi presso lo stesso intermediario, per tutti gli altri depositi l’imposta si calcola in base al valore raggiunto dal singolo deposito al termine del periodo di rendicontazione; e) le comunicazioni riferibili al 30 giugno 2011, anche quelle formate dopo questa data, soggiacciono al previgente tributo; f) è soggetto a bollo solo il servizio di custodia e amministrazione degli strumenti finanziari. (Fonte AIDC)

17-10-2011 La PEC. - Vogliamo ricordare che tutte le società, avendo l’obbligo di attivare un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (Pec) ed avendo l’obbligo di comunicarlo al Registro imprese entro e non oltre il 29.11.2011, sono passibili di sanzioni in caso di inosservanza di tali disposizioni. La sanzione non è indifferente: da 206 a 2065 Euro in capo a ciascun soggetto che omette di eseguire l’adempimento (quindi in caso di Snc con due soci le sanzioni raddoppiano, il caso di srl con Consiglio di amministrazione di tre membri le sanzioni triplicano). Ricordiamo inoltre che: a) per le società di nuova costituzione tale obbligo prevede l’indicazione dell’indirizzo di posta certificata nel momento stesso in cui si iscrivono al registro delle imprese; l’indirizzo Pec dovrà essere, pertanto, comunicato al notaio; b) per le società già esistenti, invece, la comunicazione dovrà essere effettuata entro il 29 novembre 2011; la comunicazione dovrà avvenire mediante la compilazione del riquadro 5 del modello S2. E’ ovvio che da parte vostra, la richiesta di PEC dovrà essere effettuata entro il 31 ottobre per consentire allo studio di avere i tempi tecnici per gestire le pratiche camerali di ogni cliente. c) le imprese individuali e le altre imprese non costituite in forma societaria non sono quindi tenute a richiedere l’iscrizione del proprio indirizzo PEC al Registro Imprese.

10-10-2011 La manovra di agosto in pillole (05). - a) Festività. Dal prossimo anno, ogni anno, un decreto fisserà  le date in cui ricorrono le festività introdotte con legge dello Stato non conseguente ad accordi con la Santa Sede, per fare in modo di accorpare le feste al lunedì od al venerdì più prossimo. Restano fuori da questo provvedimento il 25 aprile, la Festa della liberazione, quella del 1^ maggio, la Festa del lavoro, e del 2 giugno.
b) Contante. Le operazioni di importo superiore a 2.500 euro NON potranno essere più regolate per contanti. La soglia massima passa quindi in meno di un mese, dai 12.500 a 2.500 euro: un bel salto per un governo liberale! Anche i libretti di deposito al portatore dovranno adeguarsi alla novità e dovranno essere quindi estinti o il loro saldo deve essere ridotto entro i 2.500 euro. c) Liberalizzazione orari esercizi commerciali. Eliminata la norma varata neanche trenta giorni fa che consentiva la liberalizzazione degli orari. d) Libertà iniziativa economica. Introdotto un principio legislativo secondo il quale l’iniziativa privata è libera e tutto ciò che non è vietato dalla legge è consentito….. ma va? E allora prima com’era? e) Destinazione delle maggiori entrate. Le maggiori entrate del prossimo quinquennio saranno destinate all’Erario per essere destinate al contenimento del debito pubblico. Dopodiché le eventuali eccedenze potranno esser destinate alla “famiglia”. f) Pensioni. Innalzata l’età pensionabile delle lavoratrici del settore privato ed anticipata di sei anni l’introduzione del criterio contributivo. g) Professionisti. Sono state definite le linee guida ispiratrici della riforma delle professioni. Intanto si parte subito con la sospensione dall’albo in caso di violazione dell'obbligo di emettere la fattura. Se questo è l’inizio... h) Stabilimenti balneari e ricevuta fiscale. Viene istituito l’obbligo di rilascio della ricevuta fiscale per gli stabilimenti balneari: vana speranza. Ma se venisse prevista la revoca della autorizzazione demaniale…

03-10-2011 La manovra di agosto in pillole (04). - a) Partecipazione dei comuni all’attività di accertamento. I proventi derivanti dall’attività di accertamento effettuata dai comuni nel triennio 2012-2014 resterà acquisita nelle casse comunali. Quanto sopra è subordinato alla istituzione entro il 31 dicembre 2011 dei Consigli tributari. b) Commissioni tributarie: fuori i professionisti. Viene sancito che gli iscritti agli albi non potranno rivestire il ruolo di membro delle commissioni tributarie. La necessaria equità, verrà “garantita” in pratica solo da persone che … provengono da amministrazioni dello Stato. c) Condoni del 2002: recupero dei mancati versamenti. Dato che circa il 50% degli incassi previsti dal condono 2002 non è stato incamerato, vengono disposte azioni di “terribile” impatto emotivo (ma di insignificante riscontro finanziario) per il loro recupero. d) Manette agli evasori. Chi evaderà più di 3.000.000 di euro andrà in galera(???) o se l'imposta evasa è superiore del 30% al volume d'affari dell'evasore. e) Disposizioni antielusive. E’ finita l’epoca delle macchine della moglie e dei figli intestate alla propria società. D’ora in avanti viene prevista l’ipotesi di tassare i beni dati in uso gratuito ai soci delle società; considerando reddito diverso la differenza tra il valore di mercato e il corrispettivo annuo per la concessione in godimento del bene. f) Studi di settore. Fino a qualche anno fa la congruità agli studi di settore garantiva sonni tranquilli: ora non più. Occorreranno due anni consecutivi di congruità per beneficiare dall’esclusione dell’accertamento da parte dell’Age. In futuro potrebbero non bastare neanche quelli, vedremo.

30-09-2011 La variazione dell'aliquota iva. - La variazione dell'aliquota iva dal 20 al 21% comporterà la necessità di prestare parecchia attenzione in occasione della fatturazione di fine mese. In primo luogo ricordo che una discriminante fondamentale è quella di distinguere tra prestazione di servizio e cessione di bene. I clienti dello studio sono stati avvisati con idonea circolare.

25-09-2011 La manovra di agosto in pillole (03). - a) Addizionale comunale e regionale all’Irpef. A partire dal 2012 i comuni e le regioni potranno deliberare autonomamente eventuali aumenti dell'aliquota dell'addizionale all'Irpef. b) Contributo unificato. Sono state introdotte delle modifiche alla disciplina del contributo unificato di iscrizione a ruolo dei processi amministrativo e tributario, elevandone gli importi. c) Imposta di bollo sui trasferimenti di denaro all'estero (attraverso banche, money transfer, eccetera). Istituita un’imposta di bollo sui trasferimenti di denaro all’estero: essa sarà pari al  2% dell'importo trasferito per singola operazione, con un minimo di 3 euro. d) Iva, E’ stata aumentata l’aliquota iva del 20% di un punto percentuale. La data di applicazione dell’incremento è stata il 17 settembre scorso (e poi si dice che il 17 non porta sfortuna). Lo studio ha diramato un’ampia nota informativa al riguardo che potete rileggere tante volte (se vi volete fare del male…) e) Detrazione per il recupero del patrimonio edilizio (36%). Viene prevista la possibilità per il venditore di continuare a detrarre le residue rate di detrazione anziché l’obbligo di doverle trasferire al compratore. f) Redditi diversi, minusvalenze e plusvalenze. Istituita la possibilità di affrancarle mediante il versamento di una imposta sostitutiva del 12,50% sui redditi conseguiti sino alla data del 31 dicembre 2011. g) Robin Hood tax. Sono state incrementate le imposte a carico delle imprese che operano nel settore petrolifero ed elettrico. Attendiamoci inevitabili ricadute sulle nostre bollette e sul costo del carburante.
h) Società di comodo. Le società di comodo (cioè quelle non effettivamente operative secondo certi parametri di bilancio) sconteranno una maggiorazione del 10,5% in più sull’Ires. Stesso trattamento sarà riservato alle società che chiuderanno in perdita (fiscale) tre periodi d'imposta consecutivi.

22-09-2011 La manovra di agosto in pillole (02). - a) Riduzione dei consiglieri comunali ed accorpamento delle funzioni comunali. Viene prevista la riduzione del numero dei consiglieri comunali e l’obbligo di procedere alla gestione congiunta di alcuni servizi e funzioni per i comuni aventi popolazione inferiore a mille abitanti. E’ un provvedimento che nelle nostre piccole realtà non comporta praticamente risparmi: infatti spesso e volentieri assessori e consiglieri lavorano … gratis! b) Contributo di solidarietà per parlamentari. Istituita una "tassa di solidarietà” per i membri degli organi costituzionali. Anche per i nostri parlamentari quindi si procederà ad una riduzione delle retribuzioni o indennità di carica superiori a 90mila euro lordi annui del 10% per la parte compresa tra i 90. ed i 150.000 euro e del 20% per la parte eccedente 150.000 euro. La suddetta riduzione viene poi raddoppiata a determinate condizioni (es. svolgimento di altra attività lavorativa). Purtroppo la riduzione, in una precedente versione del decreto era il doppio di quella prevista nella versione definitiva… . Modifiche verranno poi adottate entro il prossimo 17 novembre per correlare le indennità  parlamentari al tasso di partecipazione-presenza in parlamento. c) Accorpamento delle consultazioni referendarie. Se in un anno si dovessero tenere più consultazioni referendarie viene previsto il loro accorpamento in un’unica data. d) Stipendi dei titolari di cariche elettive (in enti e istituzioni). Verranno adeguati gli stipendi di coloro che rivestono cariche elettive in enti ed istituzioni a quelli dei colleghi europei (volete scommettere che saliranno tutti?). e) Abolizione delle Province. E’ stato rinviata l’eliminazione delle provincie. In cambio verrà dimezzato il numero dei consiglieri degli gli assessori provinciali a decorrere dalle prossime elezioni. f) TFR dei dipendenti pubblici. I TFR dei dipendenti pubblici verranno erogati con un differimento di sei e ventiquattro mesi a seconda del tipo di TFR (fine servizio per raggiungimento dei limiti di età o per pensionamento anticipato). g) Sanità e Turn-over. Viene stabilita la possibilità di derogare al blocco del turn-over del personale del servizio sanitario regionale in caso di necessità di mantenere il livello di assistenza. h) Parlamentari e dipendenti della P.A.. I parlamentari ed i dipendenti della Pubblica Amministrazione dovranno utilizzare nei loro spostamenti i voli in classe economica: ci si spezza il cuore a sapere che non potranno più volare in business. i) Riduzione della spesa pubblica. Introdotta una serie di provvedimenti che tagliano trasferimenti, personale. Ma …. È stata prevista la possibilità che non si debba solo tagliare ma che si possa giungere al contenimento della spesa attraverso “…la rimodulazione delle aliquote delle imposte indirette, inclusa l'accisa….”. Come dire … per ridurre le spese si alzano le imposte! j) Enti dissestati, liquidazione. Modificata la disciplina sulla liquidazione degli enti dissestati, introdotta dal Dl 98/2011. Viene prevista: la decadenza degli organi (con esclusione del collegio dei revisori o sindacale) degli enti sottoposti alla vigilanza dello Stato, in caso di mancata deliberazione del bilancio consuntivo nel termine stabilito dalla normativa vigente o di realizzazione di disavanzi di competenza per due esercizi consecutivi; la nomina di un commissario, tra le cui attribuzioni vi è quella di risolvere unilateralmente il rapporto di lavoro anche nei confronti del personale che non abbia raggiunto l'anzianità massima contributiva di quaranta anni. k) Patto di stabilità – residui in conto capitale. Viene estesa la platea dei comuni interessati dal patto di stabilità: dal 2013 riguarderà anche i comuni tra i 1001 e 4.999 abitanti. Inoltre è stata anticipato al 2012 l’effetto dei correttivi a favore dei comuni virtuosi. Infine viene disposto che i residui di stanziamenti a bilancio possono essere mantenuti in bilancio sino all'esercizio successivo a quello cui si riferiscono. l) Regioni. Anche le regioni, comprese quelle a statuto speciale, dovranno ridurre il numero dei consiglieri regionali e degli assessori in misura rapportata alla popolazione. Anche il loro trattamento economico dovrà essere rivisto al ribasso.

20-09-2011 La variazione dell'aliquota Iva. - Ricordo che a fare data dal giorno 17 settembre è entrata in vigore la nuova aliquota iva del 21%.

17-09-2011 La manovra di agosto in pillole (01). - a) Bonus bebè. Chi ha riscosso illegittimamente il bonus (ricordo che esso era pari a mille euro ed era stato corrisposto circa sette anni fa) dovrà ovviamente restituirlo e non sarà sottoposto a procedimento penale, che resterà sospeso per i prossimi 90 giorni. b) Collocamento obbligatorio. Intervento sulla legge 68/1999: i datori di lavoro privati e pubblici sono stati interessati dalle modifiche che sono molto articolate. Nel caso siete invitati a contattare direttamente le associazioni che si occupano di queste delicate situazioni. c) Contributo di solidarietà per dipendenti pubblici. E’ stata confermata l'applicabilità del contributo di solidarietà anche sui compensi e sui trattamenti pensionistici dei dipendenti pubblici. In pratica stipendi e pensioni superiori a 90.000 euro verranno ridotte del 5% per la parte eccedente i 90mila euro e del 10% della parte eccedente i 150mila euro. d) Contributo di solidarietà delle famiglie. I redditi superiori a 300.000 verseranno un contributo pari al 3% della quota che eccede appunto i 300.000 euro. Tale contributo è istituito per i periodi di imposta 2011 - 2013.

13-09-2011 La manovra di luglio in pillole (08). - a) Ticket. Introdotta una quota di compartecipazione di 10 euro, a carico dei cittadini assistiti non esenti, sulle ricette. b) Patto di stabilità. Sono state previste disposizioni di revisione del patto di stabilità interno con le quali sono stati modificati i criteri di ‟virtuosità", variando così gli effetti dei vincoli: meno accentuati per gli enti virtuosi e più accentuati per gli enti non virtuosi. Inoltre è stato aumentato il taglio a regioni ed enti locali per altri 3.200 milioni di euro per il 2013 e 6.400 milioni di euro dal 2014. Introdotte anche misure volte ad evitare/ridurre le assunzioni di personale da parte degli enti locali, ad evitare l’elusione del patto di stabilità interno, ad obbligare gli enti locali a sciogliere le società in perdita; eccetera. c) Riallineamento del valore dei beni delle imprese. A seguito di operazioni straordinarie, viene consentito il riallineamento delle differenze di valore tra quello reale e quello di libro (rivalutazione) di avviamenti, marchi d'impresa e alle altre attività immateriali: Ciò con il versamento di un'imposta sostitutiva con aliquota al 16 per cento al fine di usufruire degli effetti fiscali. d) Tagli ai ministeri. La riduzione di spesa sarà pari a 1.500 milioni di euro nel 2012, 3.500 milioni nel 2013 e a 5.000 milioni di euro nel 2014. Non verranno tagliati: il Fondo per il finanziamento ordinario delle università; le risorse destinate alla ricerca, all'istruzione scolastica e al finanziamento del cinque per mille dell'irpef; il fondo unico per lo spettacolo; le risorse destinate alla manutenzione ed alla conservazione dei beni culturali. e) Tagli agli organismi di rilievo costituzionale e di organismi amministrativi. La riduzione (nel 2012) sarà pari al 20%, agli stanziamenti (Cnel, organi di autogoverno della magistratura ordinaria, amministrativa, contabile, tributaria e militare, Consob). f)  Giustizia tributaria. Aumentate le cause di incompatibilità dei giudici tributari, aumenteranno anche le presenze nelle Commissioni tributarie regionali di giudici selezionati tra i magistrati ordinari, amministrativi, militari, e contabili o tra gli avvocati dello Stato, in servizio o a riposo. Commento: con tutto il rispetto per l’autorità che essi rappresentano “che c’azzeccano” i magistrati militari (o le altre figure professionali) con il fisco? Nulla. E’ quindi evidente che si vogliono creare organismi di giudizio a totale favore dell’amministrazione finanziaria… g)  Sanatoria liti fiscali pendenti. Prevista la definizione breve delle liti fiscali, di valore non superiore a 20mila euro ed in cui è parte l'agenzia delle Entrate, che siano pendenti alla data del 1° maggio 2011 dinanzi alle commissioni tributarie o al giudice ordinario in ogni grado del giudizio. Esse potranno essere a seguito di domanda del soggetto che ha proposto ricorso, con il pagamento di determinate cifre previste a suo tempo dalla legge 289/2002. Tali somme dovranno essere versate entro il 30 novembre 2011 in unica soluzione e la domanda di definizione deve essere presentata entro il 31 marzo 2012. h) Riporto delle perdite. Modificato il criterio di riporto e compensazione delle perdite con gli utili d’impresa. Le perdite diventeranno riportabili senza limite di tempo, ma saranno compensabili nella misura massima dell’80% dell’utile conseguito negli anni successivi. Resta inalterata la regola del primo triennio durante il quale le perdite rimangono interamente compensabili senza limiti di tempo. In poche parole, le imposte, se c’è utile, vanno sempre pagate, anche se l’azienda sta uscendo “dal massacro della crisi mondiale”: e questo sarebbe l’aiuto alle imprese? i) Ravvedimento breve. Il ravvedimento si potrà fare anche in versione “breve” ovvero nei quindi giorni successivi alla scadenza. È una soluzione tanto utile quanto inutile: utile perché serve agli “smemorati” che lasciano passare di un solo giorno la scadenza fiscale, inutile perché della mancata presentazione-pagamento dell’F24 ci si accorge sempre dopo qualche giorno e quindi si ricorre sempre al ravvedimento ordinario nei 30 giorni. A meno che, questo provvedimento serva alle grandi industrie… l) Sanzioni da contraddittorio. In caso di avviso di accertamento e successivo contraddittorio, vengono introdotte misure a razionalizzare le procedure di irrogazione delle sanzioni, allo scopo rendere più efficace lo strumento del contraddetto. m) Contributo unificato. Aumentata la misura del contributo unificato prevista dal Testo unico, inoltre viene eliminata l'attuale esenzione per le controversie di previdenza e assistenza obbligatorie, per quelle individuali di lavoro, per i rapporti di pubblico impiego, per il processo esecutivo per consegna e rilascio, per i processi relativi alla separazione personale dei coniugi. n) Spesometro. Modificate le norme sull'obbligo di comunicazione telematica all'Age. Per le operazioni effettuate mediante il ricorso a strumenti elettronici (es, la carta di credito) i dati all’Age devono essere trasmessi dagli operatori finanziari che li hanno emessi. Ciò alla luce dell’esenzione prevista per le suddette operazioni per i commercianti. o) Studi di settore. Previsti pesanti aumenti delle sanzioni (fino al 50%) per chi “bara” sui dati degli studi di settore al fine di conseguire la congruità-coerenza. Inoltre verrà modificata la data entro la quale l’Age dovrà rendere disponibile il software (non la rispettava prima, figuriamoci ora). Se in linea di massima si possono accettare le suddette modifiche, occorrerà che tale modifica venga applicata con un po’ di saggezza: se infatti verranno considerati rilevanti anche i metri quadri utilizzati nello svolgimento dell’attività (come sovente avviene) allora la mossa sarà solo finalizzata a fare cassa. p) Tassa sui Suv. Introdotta, già dal 2011, un aumento della tassa automobilistica per le autovetture e autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose, di 10 Euro/chilowatt di potenza del veicolo superiore a 225 chilowatt. q)  Regime dei minimi. Ecco l’apoteosi, il capolavoro dell’ufficio complicazioni cose semplici: la modifica del regime dei minimi. Con la scusa che tutti ci entravano per pagare meno imposte e sfuggire agli studi di settore, viene detto che tale regime era stato creato per favorire l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro imprenditoriale ed autonomo: niente di più falso. In ogni caso, dal 01 gennaio 2012, il regime fiscale semplificato per i cosiddetti contribuenti minimi viene profondamente revisionato. I nuovi criteri operativi verranno individuati, si spera presto e bene, da apposite circolari dell’Age. Intanto lo studio ha predisposto, nello scorso mese di agosto, un primo “avviso specifico” sull’argomento al quale sicuramente seguiranno altre informazioni. r) Contante e libretti bancari. L’uso delle operazioni in contante e dei libretti di deposito bancari superiori a 2.500 euro non sarà più consentito. Accertatevi con il vs istituto di credito di fiducia di non possederne.

11-09-2011 La manovra di luglio in pillole (07). - a) Indagini finanziarie. Sono state notevolmente incrementati poteri della Amministrazione Finanziaria in materia di indagini (finanziarie), permettendo di ampliare il ventaglio dei soggetti dai quali reperire informazioni utili alle indagini. b) Mercato del lavoro e collocamento. Anche le scuole, le università, gli EE.LL., le comunità montane, le CCIAA, i sindacati, i patronati, le associazioni senza fini di lucro, l'Enpals, i consulenti del lavoro, potranno esercitare, dopo apposita iscrizione in un Albo, l'attività di intermediazione nel collocamento nel mercato del lavoro. c) Attività di noleggio autoveicoli senza conducente. Le imprese che esercita questa attività potranno rilasciare fattura anziché ricevuta fiscale al momento di certificare i propri incassi. d) Società pubbliche ed pubblici. Viene previsto l’obbligo entro tre mesi, dall’entrata i vigore della manovra, di pubblicare in internet l’elenco delle società partecipate, con dettagli della “struttura della partecipazione” ed indicazione se negli ultini tre anni esse abbiano conseguito utili o perdite. e) Remunerazione dei compensi degli eletti e degli amministratori di enti e istituzioni. Il compenso di questi soggetti, non potrà superare quello dei corrispondenti soggetti europei. Il conteggio verrà effettuato attraverso il calcolo della media ponderata dei medesimi trattamenti attribuiti agli stessi titolari a livello europeo: vogliamo scommettere che gli adeguamenti saranno “verso l’alto”? f) Liberalizzazione degli orari dei negozi. Nelle città a vocazione turistica e nelle città d’arte, si sperimenterà l’abrogazione dell’obbligo di osservare i vincoli in materia di orari di apertura/chiusura giornaliera, domenicale, eccetera. g) Irap. Viene incrementata l’irap di società concessionarie, banche e assicurazioni; essa passa rispettivamente dall’attuale 3,9 al 4,2%, al 4,65% o al 5,9% a seconda del tipo di attività esercitata. E’ lecito attendersi che questa norma, immediatamente esecutiva, verrà sicuramente scaricata sui privati che usufruiscono dei servizi.
h) Organizzazioni sindacali fasciste. Questo è un provvedimento che porterà grandi risparmi allo Stato Italiano e di cui non potevamo fare a meno; viene prevista, con effetto retroattivo, la soppressione delle organizzazioni sindacali fasciste e la liquidazione dei loro patrimoni.
i) Partite Iva inattive. E’ stata prevista la cancellazione d'ufficio delle partite Iva inattive da almeno tre anni e una sanatoria per coloro che avessero scordato di comunicare la dichiarazione di cessazione dell'attività. l) Interventi sulle pensioni. a) Posticipato al 31 dicembre di ogni anno la comunicazione dell’Istat del dato relativo alla variazione nel triennio precedente della speranza di vita all'età corrispondente a 65 anni. b) Ridotta dal 01 gennaio 2012, a certe condizioni, l'aliquota percentuale della pensione a favore dei superstiti del deceduto. c) Rinvio della decorrenza dei trattamenti delle pensioni di anzianità. d) Previsto l’innalzamento delle pensioni di vecchiaia delle donne lavoratrici dai 60 anni attuali a 65 anni. e) Limitata la rivalutazione automatica per i trattamenti superiori a 5 volte il minimo Inps.

 08-09-2011 La manovra di luglio in pillole (06). - a) Benefici post-carica. Dopo la cessazione degli incarichi pubblici viene posto il divieto di continuare a beneficiare di certe agevolazioni. Il provvedimento si riferisce all’utilizzo o ricorso a: immobili, personale; mezzi di trasporto, apparati di comunicazione, eccetera. Restano le agevolazioni in materia di sicurezza come il personale di scorta. b)  Giochi e minori. I minori non potranno partecipare a giochi che prevedano vincite in denaro. Tale fatto è stato esplicitato per legge. Le sanzioni saranno particolarmente pesanti. c) Risparmi elettorali. Dal 01 gennaio 2012 vi sarà l’obbligo di accorpare più consultazioni elettorali che si svolgeranno nello stesso anno. d) Enasarco ed inps. Viene definitivamente confermato che Enasarco ed Inps non sono alternativi ma possono coesistere per gli esercenti attività commerciali interessate. e)  Chiusura dell’Ice (istituto nazionale commercio estero). Viene chiusa questa consolidata istituzione e viene riorganizzata la sua attività attribuendo le funzioni, il personale, eccetera, dell’Istituto soppresso, al ministero dello Sviluppo economico e al ministero degli Affari esteri. f)  Differimento dei termini dei versamenti tributari. L’isola di Lampedusa beneficerà di una proroga sino al 30 giugno 2012 dei versamenti tributari, contributi previdenziali e assistenziali, premi Inail, eccetera. g) Contrasto all’evasione contributiva. Verranno stipulate convenzioni con le casse di previdenza private per effettuare incroci di dati e migliorare così il contrasto all’evasione contributiva. Il tutto con promulgazione di apposito Decreto Interministeriale. h) Accertamento dei requisiti per l’invalidità. Verrà affidata all’Inps l’attività di accertamento di possesso dei requisiti sanitari in materia di invalidità civile, eccetera. i) Fabbisogni standard. Dal 2012 verrà avviata un’attività di monitoraggio dei costi di spesa delle varie amministrazioni dello Stato allo scopo definire i costi standard sostenuti dagli enti più virtuosi e replicarli all’interno della amministrazione dello Stato, individuare le criticità all’interno della macchina burocratica, eliminare le duplicazioni di strutture, eccetera. l) Bolli e conti correnti. E’ stata aumentata l’imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli inviati dalle banche e dagli intermediari finanziari. Essa sarà pari ad euro 22,80 per ogni comunicazione annuale (che viene rapportato in base alle cadenze). Tale importo sarà soggetto ad incremento o meno a seconda che l’ammontare del deposito (presso ciascuna banca) sia superiore o meno ad euro 50.000,00.

05-09-2011 La manovra di luglio in pillole (05). - a) Accise su benzina e gasolio. Aumenteranno dal 01 gennaio 2012 le aliquote sui carburanti. b) Accertamenti esecutivi. E’ stata spostata al 01 ottobre 2011, la data in cui si inizieranno ad applicare le nuove norme relative all’"accertamento esecutivo", ovvero le norme che prevedono che l’accertamento costituisca titolo per l’esecutività delle somme accertate. c) Biglietto alta velocità. E’ stato introdotto un sovrapprezzo al canone per il trasporto di passeggeri sulle linee ad alta velocità per finanziare interventi in ambito ferroviario. d) Ammortamento dei beni aziendali. Verrà rivista la disciplina fiscale degli ammortamenti dei beni materiali e immateriali al fine di renderla più aderente alla realtà dei ns. giorni. Tale revisione decorrerà dal 01 gennaio 2013 con solo quattro aliquote per tutte le categorie. e) Bingo. E’ stato istituito il “Bingo a distanza” che è diverso dal bingo classico che si gioca nelle classiche sale: ne sentivamo proprio la necessità! f)  Fondi. Il Fondo "depositi dormienti" viene ridotto dell'importo di 100 milioni nel 2011 per re-incrementarlo della medesima cifra nell’anno 2015. g) Auto blu. Non potranno più avere una cilindrata superiore ai 1600 cc.. Faranno eccezione l’auto utilizzata dal capo dello Stato, dai presidenti delle Camere, dal primo ministro, dal presidente della Corte costituzionale e le auto blindate adibite ai servizi di pubblica sicurezza. Quelle che ci sono potranno essere utilizzate sino a loro rottamazione (che avverrà nel 2050…). h) Contributo di solidarietà. Chi ha una pensione particolarmente “ricca” verserà un contributi ai meno fortunati. Esso è pari al 5% su pensioni tra 90mila e 150mila euro, ed al 10% sulla parte che eccede i 150mila euro. Tale disposizione dovrebbe cessare al 31 dicembre 2014….. (tale provvedimento dovrebbe essere stato eliminato nella nuova versione agostana). i)  Rateizzazione dei debiti tributari. Tolto l’obbligo di prestare la garanzia (per potere effettuare le rateizzazioni) per le rateizzazioni di debiti tributari di importo superiore a 50mila euro in caso di accertamento con adesione e conciliazione giudiziale.

08-08-2011 -  Ferie. A fare data da oggi e sino all'1 settembre prossimo lo Studio Cantù va meritatamente in ferie. Ci riaggiorniamo tra tre settimane, grazie di seguirci sempre numerosi. Francesco Cantù.

08-08-2011 La manovra di luglio in pillole (04). Le nuove sanzioni sugli studi di settore.  Con la circolare n. 41 l'Age ha diramato le proprie interpretazioni sulle nuove sanzioni sugli studi di settore; evidenzio: a) confermata la sanzione di 2.065 euro in caso di omessa presentazione del modello (e fatto salvo il caso di diniego all'invito dell'Age a presentarlo. b)  Sottoposizione ad accertamento induttivo in caso di omessa o infedele indicazione dei dati previsti nei modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore ed anche nel caso di indicazione di cause di esclusione o di inapplicabilità degli studi di settore non sussistenti. 

05-08-2011 La manovra di luglio in pillole (03).  Le imposte di bolle sui dossier titoli -  L'Age con circolare n. 40 del 05 agosto ha dato alcuni chiarimenti  in merito allìapplicazione della nuova imposta di bollo; evidenzio: a) non cambia nulla per gli estratti conto e l’imposta di bollo relative a depositi di titoli di valore nominale inferiore a 50.000 euro (per ogni intermediario). b) In  caso di più rapporti di deposito, intestati al medesimo soggetto, l’imposta di bollo deve essere pagata per ogni rapporto. c) l’imposta deve essere pagat una volta sola, nel caso di depositi cointestati a più soggetti.

03-08-2011 La manovra di luglio in pillole (02). Le ritenute su accrediti di bonifici. Passa dal 10% al 4%, la ritenuta applicata dalle banche e dalle Poste sui pagamenti di fatture a mezzo bonifico operate in occasioni di determinate prestazioni (es. la detrazione del 36 o del 55%).

29-07-2011 - Inps e contributi. - L’inps ha pubblicato nel corrente mese la circolare n. 99 che fa da corollario alla manovra finanziaria. In tale circolare si afferma sostanzialmente che “i soggetti che esercitano per professione abituale, ancorché non esclusiva, attività di lavoro autonomo tenuti all'iscrizione presso l'apposita gestione separata INPS sono esclusivamente i soggetti che svolgono attività il cui esercizio non sia subordinato all'iscrizione ad appositi albi professionali, ovvero attività non soggette al versamento contributivo agli enti” di previdenza della categoria. Il senso è sostanzialmente questo: nessun reddito può essere privo di copertura assicurativa, o c’è quella della propria cassa di previdenza o c’è quella dell’inps. Nel ricordare che lo Studio non può essere a conoscenza della normativa di ogni cassa di previdenza vi invito a segnalare ogni posizione anomala, nel limite del possibile vi verrà offerto il nostro contributo.

27-07-2011 - La manovra finanziaria di luglio (01). - La manovra finanziaria è stata approvata a tempo di record dal parlamento visto che il nostro paese era sotto attacco dalla speculazione. A parte l'opinione personale che, alla fine di tutto, c'è sempre una persona od un gruppo di persone, e che sarebbe quindi ora di finirla di essere generici e di iniziare a fare nomi e cognomi, consentitemi infine una riflessione. Il Governo, allo scopo di fare fronte alla crisi europea innescata dai buchi grechi, irlandesi e portoghesi, ha provveduto a stendere una manovra “lacrime e sangue”. Non la condivido e ve ne accorgerete anche dai commenti impietosi che troverete scritti. Viene un momento in cui, sia a livello europeo che a livello nazionale-locale, ognuno deve farsi carico dei propri sprechi e provvedere a pagarseli (Grecia ed EE.LL. spreconi); certo l’aiuto di “sta meglio” è indispensabile, ma non devono pagare sempre i soliti: paghi un po’ anche il famoso barbiere del parlamento che guadagna appena 2.400 euro netti rispetto ai 1.300 euro/mese netti dell’operaio che lavora alla catena di montaggio…..
Non condivido poi che si cambino sempre le regole del gioco a gioco iniziato: un paese che si vuole definire moderno e democratico ha l’obbligo di non considerare i suoi cittadini dei sudditi succubi, ma, appunto dei cittadini. Un ultima riflessione. La manovra vale circa 44 miliardi di euro: ci credete che non ho capito da dove escono? Ci sono tante disposizioni di buone intenzioni ma sono poche quelle dove si legge che, a fronte del tale provvedimento derivano XX miliardi di risparmio!

24-07-2011 - Accertamento. - La Ctr Lazio,con sentenza n. 296/14/11 depositata il 20 aprile 2011, ha stabilito che il questionario con cui il Fisco invita a fornire la lista di documenti da presentare, i registri Iva e l'elenco delle giacenze, non può mai rappresentare l’attivazione del contraddittorio. Pertanto, se l’Ufficio si limita all’invio del questionario senza instaurare l’obbligatorio contraddittorio, l’accertamento fiscale con la pretesa è da ritenere nullo (Fonte: Associazione Italiana Dottori Commercialisti).

20-07-2011 - Spesometro. -  Lo spesometro è totalmente operativo da qualche giorno; lo Studio ha dato ampie informazioni a suo tempo al riguardo. Si ricorda nuovamente che, tale provvedimento prevede l’obbligo di comunicazione all’Age al verificarsi di certe condizioni, dei dati dei clienti e fornitori (ciò vale anche nel caso di contratti di appalto, fornitura, somministrazione e, più in generale, per i contratti dai quali derivano corrispettivi periodici). E' molto importante restare sensibilizzati sulle difficoltà che si possono verificare nella gestione dei rapporti con i privati i quali (specie per coloro che hanno i corrispettivi-ricevute fiscali) non sono clienti e/o fornitori abituali. Si raccomanda pertanto in sede di emissione di fattura o scontrino, se sussistono i presupposti, di prendere nota dei dati fiscali dei vostri clienti e fornitori, e farete bene attenzione a prenderli corretti!

27-06-2011 - Fatture in fotocopia. - La normativa iva (DPR 6333/1972) disciplina la conservazione dei documenti, dei registri contabili, schedari, tabulati eccetera, al fine di consentire (in particolare) la detrazione dell’iva sugli acquisti. Una recente sentenza della Corte di Cassazione (la n. 13943 del 24 giugno 2011) ha stabilito che il ricorso alle fotocopie delle fatture in luogo degli originali è consentito solo in caso di forza maggiore e che il contribuente deve provare di avere fatto il possibile per recuperare l’originale (non solo un banale fax). Il caso fa riferimento evidentemente non ad una fotocopia isolata, ma ad totalità di documenti, però è evidente che tale sentenza potrebbe essere presa a spunto per contestare anche qualche copia occasionale. Il timore del sottoscritto è che queste sentenze possano poi essere utilizzate a mo’ di grimaldello per dichiarare la contabilità inattendibile ed accedere allo strumento dell’accertamento induttivo.

15-06-2011 - Proroga per l'unico e modello 730. - La supposta proroga è arrivata, anche nella sua pochezza. Scusate lo sfogo, ma questo è un paese dove la certezza del diritto non esiste più (potremmo chiamarla patria dell'incertezza del diritto). Mentre le aziende ed i loro consulenti dei paesi concorrenti di tutto il mondo possono pianificare la loro attività, noi e le nostre imprese dobbiamo "litigare" con gli studi di settore per colpa di chi li ha studiati e di chi evade le tasse.

11-06-2011 - Finalmente Gerico. - L'Age ha finalmente pubblico il programma degli studi di settore con "lieve ritardo". Infatti con legge finanziaria di qualche anno fa si era previsto che il programma del periodo di imposta "n" avrebbe dovuto essere reso disponibili a settembre dell'anno "n-1): come dire gerico avrebbe dovuto essere pubblicato a settembre dell'anno scorso. Chi ci ripagherà ora dei disagi? una piccola, solita, proroga?

25-05-2011 - Cedolare secca: i codici. - In data odierna l'Age ha diramato i codici tributo con i quali procedere ad effettuare i versamenti degli acconti e del saldo della cedolare secca, a proposito della quale permane di fatto, il problema di acconti quasi duplicati stante la pratica impossibilità di scorporare l'importo del canone dal montante reddituale sul quale viene calcolato l'acconto. 

19-05-2011 - Proroga dei termini dichiarativi. - A causa del ritardo con il quale verranno rilasciati i programmi degli studi di settore (e non solo), con DPCM del 16 maggio scorso è stato disposta la proroga dei termini per effettuare gli adempimenti dichiarativi di unico2011 e del modello 730. Nello scadenziario trovate le scadenze aggiornate.

15-05-2011 - Circolare Age. - L'Age, in occasione dell'imminente scadenza dichiarativa ha pubblicato una corposa circolare (la n. 20 del 13 maggio scorso) contenente parecchi chiarimenti in materia di modalità di detrazione-deduzione di oneri. 

30-04-2011 - Cassa in rosso ed accertamento induttivo - Ricordo che la Corte di Cassazione ha affermato con sentenza del 20.11.2009, n. 24509
che il saldo di cassa negativo legittima l'accertamento induttiv (fatta salva la difficile prova contraria). Ovviamente va fatto riferimento non al saldo al 31 dicembre dell'anno ma a quell giornaliero.

16-04-2011 - Spesometro rinviato. - Buona notizia, l'Age ha disposto la proroga al 1° luglio dell’obbligo di comunicazione delle operazioni, di importo almeno pari a 3.600 euro, per le quali non ricorre l’obbligo di fatturazione (normalmente operazioni effettuate nei confronti di privati consumatori). A lato pratico non cambia nulla rispetto a quanto vi ho preannunciato, solo la data di decorrenza. La giustificazione risiede nella volontà di consentire agli imprenditori di adeguare il propri registratori di cassa e programmi informatici per un corretto adempimento della comunicazione. Ovviamente altri problemi restano sul tappeto, tra essi: a) la problematica relativa all'identificazione del cliente che pone criticità in materia di privacy. b) L'eventuale esclusione di operazioni effettuate con carta di credito che già "traccia" il cliente.
Vengono invece regolamentati: a) Il termine di invio della comunicazione. Esso, a parte quest'anno, resta fissato entro il 30 aprile di ciascun anno successivo. b) I dati della comunicazione. Si deve aver riguardo alla data di registrazione del documento ai fini IVA. c) Ravvedimento. E' possibile sostituire una comunicazione già presentata, entro il termine di 30 giorni dalla scadenza naturale; d) Esclusioni. Sono escluse dall’obbligo di comunicazione le importazioni, le esportazioni, le operazioni già oggetto di inserimento nella comunicazione “black list”, e le operazioni che formano già oggetto di informazione all’Anagrafe tributaria.

  10-04-2011 Reverse charge telefonini. - L'Age con Risoluzione del 31 marzo scorso n. 36 ha chiarito che la disciplina del reverse charge applicabile dal primo aprile  alle cessioni di telefoni cellulari, eccetera,  NON interessa la cessione di telefoni cellulari se costituisce operazione accessoria alla fornitura di traffico telefonico e la cessione dei relativi componenti ed accessori; mentre è di interesse, "...la cessione di circuiti integrati, prima della loro installazione in beni destinati al consumo finale, a prescindere dal fatto che l’acquirente abbia intenzione, dopo l’acquisto, di installare / assemblare gli stessi in prodotti destinati al consumo finale, anche a seguito di prestazioni di riparazione e manutenzione, ovvero destinati ad essere installati in apparati analoghi..."

06-04-2011 - La cedolare secca sugli affitti. - La cedolare secca sugli affitti è un regime di tassazione che rappresenta un’alternativa a quello ordinario IRPEF in base al quale le persone fisiche possono (facoltà esercitata dal locatore mediante opzione) assoggettare i redditi fondiari derivanti dalla locazione di immobili ad uso abitativo “ad un’imposta, operata nella forma, appunto, della cedolare secca”. La disciplina può essere così sintetizzata:  Soggetti interessati: Persone fisiche in possesso di redditi immobiliari.  Tipologia di Reddito: Reddito fondiario da locazione di immobili ad uso abitativo e relative pertinenze locate congiuntamente.  Base imponibile: Canone di locazione (100%) stabilito dalle parti.   Misura della cedolare: 21%, (19% in relazione ai contratti c.d. “concordati”).  Imposte sostituite: IRPEF; addizionali IRPEF (regionali e comunali); imposta di registro ed imposta di bollo.  Registrazione contratto: Permane l’obbligo di registrazione del contratto, che però assorbe anche la comunicazione alla P.S.. Esistono indubbi vantaggi per il conduttore e per il locatore per i quali vi rinvio all'avviso che vi invierò a breve, ovviamente va effettuata una adeguata analisi di convenienza (specie per il locatore). Per quanto concerne l'opzione va prestata attenzione alla data in cui è stato o sarà sottoscritto il contratto di locazione.

31-03-2011 Mancata tenuta del libro inventari, Cassazione. - La Cassazione ha recentemente sentenziato che la mancata tenuta del libro degli inventari costituisce fatto idoneo a legittimare "...l’accertamento induttivo effettuato sulla base degli studi di settore, con inversione dell’onere della prova a carico del contribuente...".

24-03-2011 - Il Decreto Milleproroghe. - Ecco i punti più importanti del tanto famoso decreto milleproroghe approvato qualche giorno fa dal parlamento. Trattazione più estesa la trovate nella circolare dello Studio. 1) Agevolazioni per il settore cinematografico.  Non solo aumento del biglietto. E’ stata disposta la proroga sino al 31 dicembre 2013 di alcuni incentivi fiscali in favore del settore cinematografico introdotti a suo tempo (dalla legge finanziaria 2008). 2) Anatocismo (regalo alle banche). Introdotta una nuova norma interpretativa dell'articolo 2935 del codice civile, in materia di decorrenza della prescrizione (dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere). Inoltre «non si fa luogo alla restituzione di importi già versati alla data di entrata in vigore della presente legge». 3) AATO (Autorità ambito territoriale ottimale). Prorogata la loro soppressione (Aato rifiuti ed acqua). 4) Crediti di imposta delle banche (altro regalo). Prevista la trasformazione in crediti d'imposta (a determinate condizioni), delle attività per imposte anticipate iscritte in bilancio, relative a svalutazioni di crediti non ancora dedotte dal reddito imponibile. La ragione di tale provvedimento sarebbe quella di migliorare la loro patrimonializzazione. 5) Blocco sfratti. Nuova proroga del blocco degli sfratti sino al 31 dicembre 2011. 6)  Cinque per mille. Stanziati altri 200 milioni (il fondo sale così a 300 milioni) prevedendo altresì ulteriori 100 milioni per la SLA. 7) 770 mensile. Scivola al 31 marzo 2011 l’avvio dell’obbligo da parte dei sostituti d'imposta di comunicare mensilmente per via telematica i dati su stipendi e contributi. 8) Conciliazione. Spostato al 20 marzo 2012 l’entrata in vigore della disciplina della conciliazione. 9)  Dilazioni di pagamento. In situazioni di particolare difficoltà finanziaria Equitalia può prorogare il pagamento delle rate di cartelle fino a 72 mesi in presenza di determinate condizioni: a) dilazione concessa prima dell’approvazione del milleproroghe; b) prova del peggioramento della situazione di difficoltà a carico del contribuente. 10) EAS. Proroga al 31 marzo 2011 per l’invio del modello di comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali (se sono intervenute modifiche rispetto allo scorso anno) da parte degli enti di tipo associativi. 11) Patto di stabilità. Introdotte variazioni alla norma che regola le modalità di calcolo del patto di stabilità interno per le regioni ed i comuni. 12) Sicurezza sui luoghi di lavoro. Prorogate al 31 marzo 2011 varie disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. 13)  Proroga dei termini in Abruzzo. Prorogati i termini per ricominciare ad effettuare i versamenti e gli adempimenti a suo tempo sospesi, a favore dei soggetti colpiti dal terremoto dell’Abruzzo.

19-03-2011 - Aggiornamento Documento Programmatico della Sicurezza (DPS). Ricordo che il DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA SICUREZZA (DPS) necessita di aggiornamento annuale entro il 31 Marzo 2011 in merito alle variazioni per il sorgere di altri rischi o altre variabili rispetto a quelle già rilevate lo scorso anno. Questo documento dovrà contenere le idonee informazioni riguardanti le effettive modalità con le quali sono state poste in essere le misure di sicurezza evidenziando l’elenco dei trattamenti, i compiti e le responsabilità assegnate all’interno delle varie strutture, i rischi incombenti sui dati e le misure adottate per eliminarli, i rischi legati all’ambiente di lavoro e le misure adottate per eliminarli, ecc.  Pertanto: 1. Se non ci fossero variazioni rispetto a quanto indicato nel DPS dell'anno precedente si consiglia di far almeno sottoscrivere il Documento dal Legale Rappresentante con scritto che "nulla è variato rispetto alla precedente situazione"; 2. Se ci fossero state variazioni (Hardware – Responsabili ecc.) occorre rielaborare il Documento con un'introduzione che potrebbe avere il seguente tenore: Il presente documento intende fornire un adeguamento di quanto già predisposto negli anni passati in merito agli aggiornamenti effettuati sui criteri tecnici ed organizzativi per la protezione delle aree e dei locali interessati a misure di sicurezza nonché sui criteri adottati per assicurare l’integrità dei dati. 3. Per chi ha nominato l’Amministratore di Sistema va indicato l’aggiornamento nel DPS. 4. Ricordo che tale documento esige “data certa” per cui reputo opportuno redigerlo e poi, come per il precedente DPS, andare presso un ufficio postale ove applicare il francobollo sulla piegatura dei fogli sull'angolo sinistro in alto e annullarlo con timbro postale!

12-03-2011 - Inventario ed accertamento. - La Commissione tributaria Regionale di Torino ha sentenziato che è legittimo l’avviso di accertamento fondato sulla ricostruzione induttiva dei ricavi se l'inventario è stato redatto in maniera talmente inattendibile da rendere tale anche la contabilità. Nel caso di specie, un commerciante di Torino inseriva nell'inventario prospetti invariati rispetto all'anno precedente e stimava rimanenze di prodotti, in alcuni casi superiori agli acquisti. Un'altra dimostrazione di quanto l'inventario sia sottovalutato dall'imprenditore e di quanta importanza rivesta invece per l'Age.

10-03-2011 - I provvedimenti aventi rilevanza nel 2011 (08) Vies. Questa è un’altra diavoleria del Ministero datata 29 dicembre 2010. In cosa consiste e dove sta il problema? I soggetti che intraprendono l’esercizio di un’impresa, arte o professione, nella dichiarazione di inizio attività ai fini IVA dovranno esprimere la volontà di porre in essere operazioni con soggetti UE.  Coloro che invece sono già titolari di partita IVA possono alternativamente dichiarare la volontà di porre in essere operazioni intraUE oppure di non volerne più fare. Il tutto attraverso una apposita comunicazione all’Age. Il problema sta nel fatto che i soggetti che hanno iniziato l’attività ai fini IVA a partire dal 31 maggio 2010 e fino al 28 febbraio 2011 possono lavorare con soggetti della UE se hanno manifestato l’intenzione di farlo nella comunicazione di inizio attività. Coloro che hanno iniziato l’attività prima del 31 maggio 2010, entro la data del 28 febbraio 2011, verranno esclusi (fatte salve alcune eccezioni) dall’archivio dei soggetti autorizzati alle operazioni intracomunitarie. Costoro, qualora intendano continuare a porre in essere operazioni intracomunitarie, devono richiedere l’inclusione nell’archivio dei soggetti autorizzati a mezzo di comunicazione all’Age. Tutto qui? Ovviamente no. Mandata la comunicazione all’Age bisogna attendere trenta giorni per il silenzio assenso, con tutte le implicazioni del caso, qualora abbiate un ordine in corso con un soggetto UE (ovvero di dovere aspettare i trenta giorni prima di effettuare l’operazione).

07-03-2011 - I provvedimenti aventi rilevanza nel 2011 (07) j) Reverse charge. Dal 1°aprile 2011 si applica anche alle cessioni di Personal computer e cellulari. con Decisione di esecuzione del Consiglio del 22 novembre 2010, n.2010/710/UE, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 25 novembre 2010, l’Italia è stata autorizzata all’applicazione del reverse charge anche per le suddette cessioni di beni. Ricordo però che tale disciplina si applica a tutte le operazioni, con esclusione di imprese e professionisti negli acquisti presso dettaglianti. In buona sostanza riguarda i rapporti tra grossisti.

05-03-2011 - A volte il Fisco paga. - La Corte di Cassazione ha sancito (sentenza n. 5120 del 3 marzo 2011) che se il contribuente è costretto ad adire al contenzioso per il tardivo intervento dell'Age ad emettere l'annullamento dell'atto in autotutela, "...devono essere risarciti i danni anche se l’errore è riconosciuto dall’ufficio in contenzioso; per i giudici dovranno essere risarcite anche, oltre alle spese legali, anche quelle sostenute per conferire con l’ufficio...".

01-03-2011 - Iva annuale. - Come visualizzabile nella sezione scadenze, il 16 marzo si deve versare l’Iva a saldo risultante dalla dichiarazione annuale 2010 contenuta in Unico (o inviata in via autonoma. Tutti i soggetti iva sono interessati (mensili e trimestrali). Per quanto riguarda l'osservanza del versamento però, è possibile attendere Unico 2011, e versare entro la scadenza previsto per il pagamento delle imposte risultanti dal modello unificato. Ovviamente tale possibilità NON è data a chi presenta la dichiarazione in forma autonoma. Ricordo che, in base all’articolo 20 del D.lgs. n. 241/97, è possibile effettuare il pagamento ratealmente.

24-02-2011 - Redditometro (01). - Gli oneri detraibili e deducibili rilevano ai fini della determinazione dell'importo del reddito sul quale calcolare le maggiori imposte. Lo scrive il Sole24 in data di ieri. Ciò costituirebbe un "cambio di rotta" rispetto al passato.

 18-02-2011 - I provvedimenti aventi rilevanza nel 2011 (06) Operatività del fermo amministrativo. - Il fermo amministrativo è un atto, tramite il quale le amministrazioni o gli enti competenti (Age, Inps, Regioni, Comuni), provvedono, tramite enti esattori (Equitalia), alla riscossione coattiva di crediti insoluti "bloccando"  ad esempio, un bene mobile dell'obbligato (il caso classico è l’auto). Per il pagamento tramite cartella esattoriale di piccoli importi, viene di norma recapitato al soggetto che deve pagare un sollecito, mentre, quando l’importo è elevato si passa subito all’invio del “preavviso di fermo“. Nel caso in cui il soggetto che deve pagare, non provvede a saldare il dovuto, si passa all’iscrizione del provvedimento e, per gli importi elevati, al “fermo” dell’autoveicolo o di più autoveicoli intestati al debitore (le cosiddette “ganasce fiscali”). Nel ricordare che il fermo amministrativo può riguardare solo debiti superiori ai 50 euro, bisogna altresì tenere presente che la circolazione con mezzi sottoposti a fermo è vietata e sanzionata, dal codice della strada col pagamento di una multa variabile da euro 714 se sorpresi a circolare, ad euro 2.859 se coinvolti in un incidente con terzi, nonché con il sequestro del mezzo in entrambi i casi.

13-02-2011 - Interessi per riterdato pagamento. - Pubblicati in Gazzetta Ufficiale  i tassi di interesse applicabili ai ritardati pagamenti per il primo semestre 2011. Essi sono: a) 8% (1% + maggiorazione del 7%) per la vendita dei prodotti in genere; b) 10% (1% + maggiorazione del 9%) per la vendita di alimenti deteriorabili.

09-02-2011 -Accertamento. Lo Studio raccomanda una attenta gestione del contante sia per ragioni di antiriciclaggio che di accertamento, vi rendo noto che una recente sentenza della Cassazione (la n. 26260 del 29 dicembre scorso) ha affermato che “…I movimenti bancari risultanti dalla contabilità aziendale quali versamenti effettuati dal titolare dell’impresa a titolo di finanziamento sono elementi sufficienti a legittimare l’accertamento analitico-presuntivo qualora il contribuente non sia in grado di dimostrare la provenienza di tali somme…”

04-02-2011 - I provvedimenti aventi rilevanza nel 2011 (05) detrazione 55%. - La Legge di stabilità per l’anno 2011, ha prorogato fino al 31 dicembre 2011 l’agevolazione del 55% collegata al risparmio energetico. Tutte le altre disposizioni relative all’argomento sono rimaste invariate ad eccezione della tempistica della detrazione che ora è prevista in dieci anni e non più cinque.

31-01-2011 - I provvedimenti aventi rilevanza nel 2011 (04) Soglie antiriciclaggio. - Nella scorsa estate il limite massimo per l’utilizzo di contante è stato abbassato da 12.500 a 5mila euro. Ricordo che, entro la metà del 2011 i titolari di libretti al portatore che hanno un saldo pari o superiore a 5mila euro devono provvedere ad estinguerlo definitivamente o riportarlo sotto la soglia dei 5mila euro.

28-01-2011 - Vies. - Dopo un mese di "tira e molla" ed di rincorrersi di notizie secondo fantozziana memoria, si conclude la vergognosa (per un paese civile) vicenda relativa all'inoltro della richiesta di accreditamento Vies. Dopo avere mancato di specificare come si poteva presentare la domanda, l'Age prima ha detto che andava bene solo il protocollo, poi la raccomandata, poi tutti e due! Infine ha chiesto la cortesia di non presentare troppe domande, limitandosi a quelle indispensabili. Una precisazione si rende a questo punto necessaria: nessuno perde tempo volentieri a fare e presentare la raccomandata ma, se si ha la prospettiva di aspettare 30 giorni (in "gentile" attesa dell'Age) per sapere se posso operare con l'UE in caso di immediata operatività, corro il rischio di perdere un affare o di dovere versare l'iva due volte (se acquisto). Ed in tempi in cui fare un affare o trovare  un cliente è veramente difficile, preferisco fare una raccomadata in più.

24-01-2011 - I provvedimenti aventi rilevanza nel 2011 (03) Sanzioni ed interessi da ravvedimento. Aumentano nel 2011 da gennaio (dall’1 all’1,5%) gli interessi che verranno applicati per aderire al ravvedimento operoso. Da febbraio aumentano anche le sanzioni che, per i versamenti omessi, carenti o tardivi sanati entro 30 giorni, passano dal 2,5% al 3 per cento. Per la regolarizzazione entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione (o, quando non è prevista dichiarazione, entro un anno dalla violazione), la sanzione passa dal 3% al 3,75 per cento. Per rimediare all'omessa presentazione della dichiarazione (al massimo entro 90 giorni), la sanzione passa dal 2,5% al 3 per cento.

20-01-2011 - Modelli Iva e 770. - L'Age ha pubblicato sul suo sito i modelli relativi alla comunicazione annuale dati iva ed alla dichiarazione annuale iva relativa al periodo di imposta 2010. Ha pubblicato inoltre i modelli relativi al 770 ordinario e semplificato.

18-01-2011 - I Provvedimenti aventi rilevanza nel 2011 (02) Il blocco delle compensazioni. È operativo, dal 1° gennaio 2011, il divieto di compensazione dei crediti relativi ad imposte erariali, introdotto dalla “manovra correttiva”, per i contribuenti che hanno debiti iscritti a ruolo per un importo superiore a 1.500 euro. In assenza di chiarimenti ufficiali, il divieto di compensazione sembra riguardare i modelli F24 presentati a partire dalla suddetta data e, in particolare, i pagamenti in scadenza il 17 gennaio 2011 (essendo il 16 giorno festivo).

13-01-2011 - Accertamento induttivo e verifica inps. - Due recenti sentenze di altrettante commissioni tributarie centrali hanno recentemente affermato che L’Age può effettuare l’accertamento analitico-induttivo o presuntivo semplicemente prendendo il via  dalle attività accertative condotte dall’INPS sul presupposto che trattandosi di atti pubblici, fanno fede sino a querela di falso.

10-01-2011 - I provvedimenti aventi rilevanza nel 2011 (01). Lo Spesometro.  Ricordo l’entrata in vigore dello spesometro. Con tale provvedimento si sancisce l’obbligo di comunicazione all’Age dei dati dei clienti e fornitori (ciò vale anche nel caso di contratti di appalto, fornitura, somministrazione e, più in generale, per i contratti dai quali derivano corrispettivi periodici). Dal 01 gennaio 2011 e sino al 30 aprile 2011 sono interessate alla disposizione solo le operazioni documentate da fattura e con il limite di 3.000 euro al netto dell’iva. Dal 01 maggio 2011 sono interessate le operazioni da fattura/scontrino/ricevuta fiscale e con il limite di 3.600 euro al lordo dell’iva (per gli scontrini/ricevute fiscali). Per il periodo 2010 appena passato sono interessate alla disposizione solo le operazioni documentate da fattura e con il limite di 25.000 euro al netto dell’iva.