Studio Cantu Commercialista

Studio Cantù

La perfezione o l`infallibilità non è di questo Studio come di nessun altro serio Studio di seri Commercialisti. Essa vengono lasciate a chi non può offrire altro e vi invitiamo a diffidare seriamente di chi le promette affermando di possedere la classica "bacchetta magica". Vi consigliamo infine di verificare sempre se il vostro consulente è iscritto all'albo dei Dottori Commercialisti .... e se fa bene il suo lavoro. Noi, specializzati sui piccoli artigiani, commercianti e professionisti, ci impegniamo solo a dare il massimo e abbiamo scelto di "essere" piuttosto che "apparire".

You are here: Home Scadenze Scadenze 2008
  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
Enti locali Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 08 Ottobre 2010 00:00

Questa pagina è dedicata a coloro che operano nel settore della revisione degli Enti Locali (comuni, province). Deriva dalle esperienze dello scrivente eventualmente condivise con altri colleghi ed ha come scopo quello di condividerle. Essa conterrà sia news che, all'occorrenza avvisi di scadenza. Buona lettura.

30-09-2017 - Consolidato e revisione straordinaria delle partecipate - Entro la data odierna i revisor, dovranno rilasciare il parere sulla revisione straordinaria delle partecipate effettuato dal Comune e sul bilancio consolidato.

31-07-2017 -  Assestamento di bilancio e controllo della salvaguardia degli equilibri. Mediante la variazione di assestamento generale, deliberata dall'organo consiliare, si attua la verifica generale di tutte le voci di entrata e di uscita, compreso il fondo di riserva ed il fondo di cassa, al fine di assicurare il mantenimento del pareggio di bilancio. L'organo consiliare provvede inoltre a dare atto del permanere degli equilibri generali di bilancio o, in caso di accertamento negativo ad adottare, contestualmente: a) le misure necessarie a ripristinare il pareggio qualora i dati della gestione finanziaria facciano prevedere un disavanzo, di gestione o di amministrazione, per squilibrio della gestione di competenza, di cassa ovvero della gestione dei residui; b) i provvedimenti per il ripiano degli eventuali debiti di cui all'art. 194; c) le iniziative necessarie ad adeguare il fondo crediti di dubbia esigibilità accantonato nel risultato di amministrazione in caso di gravi squilibri riguardanti la gestione dei residui (artt. 175, 193 del D.Lgs. 267/2000). DUP – Documento Unico di Programmazione Entro il 31 luglio la Giunta presenta al Consiglio il Documento unico di programmazione per le conseguenti deliberazioni. Se alla data del 31 luglio risulta insediata una nuova amministrazione, e i termini fissati dallo Statuto comportano la presentazione delle linee programmatiche di mandato oltre il termine previsto per la presentazione del DUP, il DUP e le linee programmatiche di mandato sono presentate al Consiglio contestualmente, in ogni caso non successivamente al bilancio di previsione riguardante gli esercizi cui il DUP si riferisce. Considerato che l’elaborazione del DUP presuppone una verifica dello stato di attuazione dei programmi, contestualmente alla presentazione di tale documento si raccomanda di presentare al Consiglio anche lo stato di attuazione dei programmi, da effettuare, ove previsto, ai sensi dell’articolo 147-ter del TUEL (art. 170 del DLgs 267/00 e Principio Contabile All. 4/1 al DLgs. 118/2011).

31-05-2017 -  Conto annuale 2016. - Termine per la presentazione alla Ragioneria Generale dello Stato del conto delle spese per il personale sostenute nell’anno precedente.
La rilevazione è operata mediante immissione diretta in SICO, con la modalità web o attraverso l’invio dell’apposito kit excel, secondo le indicazioni da approvare con circolare del Ministero Economia e Finanze in corso di emanazione (art. 60, c. 2, D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165).

30-04-2017 - Informativa crediti e debiti reciproci con enti strumentali e società controllate e partecipate. - Nell’ambito della relazione sulla gestione allegata al rendiconto, deve essere predisposta specifica informativa illustrante gli esiti della verifica dei crediti e debiti reciproci tra l’ente locale ed i propri enti strumentali e le società controllate e partecipate. La predetta informativa, asseverata dai rispettivi organi di revisione, evidenzia analiticamente eventuali discordanze e ne fornisce la motivazione; in tal caso l’ente assume senza indugio, e comunque non oltre il termine dell’esercizio finanziario in corso, i provvedimenti necessari ai fini della riconciliazione delle partite debitorie e creditorie (art. 11, comma 6 lett. j) del D. Lgs. 118/2011). Piano di riequilibrio finanziario pluriennale. Termine per poter deliberare un nuovo piano di riequilibrio finanziario pluriennale per gli enti locali che, alla data del 1.03.2017 (data di entrata in vigore della legge n. 19/2017 di conversione del D.L. n. 244/2016), pur avendo avviato la procura di riequilibrio finanziario pluriennale ai sensi dell’articolo 243-bis del TUEL, hanno presentato il relativo piano di riequilibrio oltre i termini di legge e non hanno dunque conseguito l’accoglimento del piano stesso a norma dell’articolo 243-quater, comma 3 del TUEL. La predetta procedura non può essere iniziata qualora sia decorso il termine assegnato dal prefetto, con lettera notificata ai singoli consiglieri, per la deliberazione del dissesto. La più favorevole facoltà ora concessa è tuttavia, subordinata all’avvenuto conseguimento di un miglioramento, inteso quale aumento dell’avanzo di amministrazione o diminuzione del disavanzo di amministrazione, registrato nell’ultimo rendiconto approvato dall’ente locale. Inoltre, nelle more del termine del 30 aprile 2017 e fino alla conclusione della relativa procedura, non si applica il comma 7 dell’articolo 243-quater del TUEL, per quanto riguarda l'assegnazione al Consiglio dell'ente, da parte del Prefetto, del termine non superiore a venti giorni per la deliberazione del dissesto. Sono dunque sospese le procedure eventualmente avviate ai sensi del citato comma 7 dell’articolo 243-quater (art. 5, comma 11-septies, D.L. 244/2016, convertito in legge n. 19/2017).

31-03-2017 - Approvazione bilanci - Il precedente termine per l'approvazione del bilancio 2017-2019 scade oggi. L'originario termine era il 31 gennaio. 

31-01-2017 - Siquel 2016 - oggi va inviato alla Corte dei Conti il modello relativo al Rendiconto 2016. 

17-03-2016 -  Siquel 2015 - Prorogato il termine per l'invio dei questionari che i revisori dei conti degli enti locali devono effettuare alla Corte dei conti: il termine del 21 marzo passa al 30 aprile.

18-02-2016 - Bilanci di Previsione - Sono stati prorogati rispettivamente al 30 aprile ed al 31 luglio i bilanci di previsione dei comuni e delle province. C'è da scommettere che si arriverà, come al solito al 30 settembre... 

12-02-2016 - Revisione regolamenti di contabilità - A seguito dell'adozione della nuova contabilità con il criterio di cassa allargato, molti comuni dovranno rivedere i loro regolamenti di contabilità. Prepariamoci a dare i nostri pareri. 

14-01-2016 - Legge di stabilità ed EE.LL. (03) - La programmazione biennale degli acquisti diventa obbligatoria per gli importi superiori ad 1 MLN di euro. Al di sotto di questa soglia la procedura diventa una facoltà. Per quanto riguarda invece gli acquisti non superiori a 1.000 euro, la procedura tramite MEPA diventa facoltativa. Per gli Enti minori (comuni con popolazione inferiore ai 10.000 abitanti, possono essere acquisiti autonomamente lavori, servizi e fornitore di importo entro i 40.000 euro solo quando non sia possibile passare da Consip o altri soggetti "aggregatori".

13-01-2016 - Legge di stabilità ed EE.LL. (02). - La legge di stabilità prevede che nel 2016 e nel 2017 si possano iscrivere tra le spese correnti il 100% dei proventi da concessioni edilizie e sanzioni da codice della strada. Ricordo la delicatezza di tale appostazione contabile e suggerisco di effettuarla solo al momento dell'effettivo incasso.

11-01-2016 - Legge di stabilità ed EE.LL. (01). - Per quanto riguarda le anticipazioni di tesoreria, anche per il 2016 gli enti in crisi di liquidità potranno godere dell'anticipazione di tesoreria sino al limite dei 5/12 delle entrate correnti. Temo che tale disposizione da temporanea, diventi sostanzialmente "a regime" e quindi cronica.   

15-12-2015 - Relazione Siquel Corte dei Conti. - Entro questa data dovrà essere predisposta la relazione da inviare alla Corte dei Conti sul consuntivo 2014. 

29-10-2015 -  Iscrizione nel registro dei revisori degli enti locali. - Dal 3 novembre 2015 alle 18,30 del 16 dicembre 2015 sarà possibile effettuare l’iscrizione nel registro dei revisori degli enti locali (attivo dal 1° gennaio 2016), esclusivamente online tramite l'accesso alla pagina finanzalocale.interno.it/ser/revisori_intro.html, seguendo le istruzioni presenti. Ad essere interessati sono sia coloro che effettuano l'iscrizione per la prima volta sia coloro che devono rinnovarla.

20-10-2015 - DUP, Rinvio. - E' praticamente ufficiale il rinvio del termine per la presentazione del DUP a fine anno. Resta il dubbio sull'obbligo di rilascio del parere da parte del revisore. 

01-10-2015 - DUP - A Fine mese scade il termine pre presentare i DUP da parte dei Comuni. Il dubbio riguarda l'obbligo di rilascio del parere da parte del revisore.

29-07-2015 - Rendiconto 2014 - Il termine per la presentazione del rendiconto 2014 scade il 31 agosto prossimo. 

15-05-2015 - Bilancio di previsione EELL. - Il MinInterno con comunicato stampa del 14 maggio ha ulteriormente differito il termine di approvazione del bilancio di previsione degli EELL al 30 luglio 2015. 

28-03-2015 - Bilancio di previsione EELL. - Il termine per l'approvazione del bilancio di previsione degli EELL è stato prorogato al 31 maggio 2015.

24-02-2014 - Split payment. Pronte le semplificazioni per i rimborsi Iva prioritari. - Con il decreto 20 febbraio 2015, in corso di pubblicazione sulla “Gazzetta Ufficiale”, il ministero dell’Economia e delle Finanze apporta alcune modifiche semplificative al DM 23 gennaio 2015 in materia di split payment. Nello specifico, le semplificazioni riguardano i rimborsi Iva da effettuarsi in via prioritaria. Secondo la correzione apportata dal Mef, infatti, è disposto che a partire dalle richieste di rimborso relative al primo trimestre dell'anno d'imposta 2015, per finalità semplificative, i rimborsi dell'Iva da erogarsi in via prioritaria ai contribuenti che effettuano le operazioni con il meccanismo della scissione dei pagamenti non siano assoggettati ai criteri previsti dall'articolo 2, del DM 22 marzo 2007. Vengono dunque meno le condizioni finora richiesta dalla norma per ottenere la liquidazione dei rimborsi in via prioritaria. Semplificazioni. Dunque, con la soppressione delle parole "fermo restando quanto previsto dall'art. 2 del decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 22 marzo 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 76 del 31 marzo 2007, e” non è più richiesto che il contribuente per essere ammesso all’elenco prioritario di recupero del’Iva soddisfi contestualmente le seguenti condizioni: - sia in attività da almeno 3 anni; - l’ammontare del credito Iva sia superiore a 10mila o 3mila euro rispettivamente per i rimborsi annuali o trimestrali; - l’eccedenza detraibile richiesta a rimborso sia di importo pari o superiore al 10% dell’imposta complessivamente assolta sugli acquisti/importazioni effettuati nel periodo di riferimento della richiesta. Decorrenza. Le novità del nuovo decreto si applicano a partire dalle richieste di rimborso relative al primo trimestre dell’anno d’imposta 2015. Si tratta delle istanze da presentare al Fisco entro il 30 aprile prossimo, anche se ad oggi mancano ancora il nuovo modello TR e il codice che identificherà la priorità nei rimborsi. Intanto, si segnala che il formato della fatturazione elettronica Pa ha, invece, recepito le novità sullo split payment, aggiungendo un nuovo valore contrassegnato dalla lettera «S». (Fonte AIDC)

20-02-2015 -  Split payment, solo per le operazioni documentate da fattura. - La legger di Stabilità 2015 ha previsto, in relazione agli acquisti di beni e servizi effettuati dalla Pa, che l’Iva regolarmente addebitata dal fornitore in fattura venga versata dalla stessa amministrazione acquirente direttamente all’Erario, mentre al fornitore verrà pagato il solo corrispettivo. Si tratta di un particolare meccanismo di sdoppiamento dei pagamenti, che viene regolato dal nuovo articolo 17-ter del Dpr 633/1972. Lo split payment è entrato in vigore dal 1° gennaio 2015 per tutti gli acquisti effettuati dalle Pa sia in ambito non commerciale, ossia in veste istituzionale, sia nell’esercizio di attività d’impresa. L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 1 del 9 febbraio, fornisce i primi chiarimenti interpretativi sul nuovo meccanismo introdotto dall'articolo 1, comma 629, lettera b), della Legge 190/2014. Ambito soggettivo esteso. Tenendo conto della particolare finalità antievasione che sottende alla norma citata, la circolare 1/E specifica che per individuare i soggetti pubblici sottoposti al nuovo regime dello split payment non è sufficiente far riferimento all’articolo 6, comma 5 del Dpr 633/72, ma bisogna tener conto anche dell’obiettivo antievasione della disposizione. Così, non ci si può fermare all’interpretazione restrittiva dell’articolo 6 (da cui trae le mosse il nuovo articolo 17-ter), tanto che la nuova norma ha ora una portata molto più ampia, purchè vengano rispettati i principi ispiratori della disposizione. Di qui la conclusione dell’Agenzia delle Entrate secondo cui nell’ambito dei soggetti che possono applicare lo split payment si devono ricondurre anche le Comunità montane oppure l’Unione dei comuni, per ciò che riguarda lo Stato. Per quanto riguarda gli enti pubblici territoriali e i consorzi tra essi costituiti vengono ricomprese, invece, le istituzioni scolastiche e le istituzioni per l’alta formazione artistica, musicale e coreutica (Afam); mentre per ciò che riguarda le Camere di commercio, è esteso l’obbligo di applicazione del nuovo meccanismo anche alle Unioni regionali delle camere di commercio. Ambito oggettivo. Un altro importante chiarimento reso dalla circolare del 9 febbraio è quello riguardante l’ambito oggettivo della disposizione. Secondo l’Agenzia, il nuovo meccanismo di scissione dei pagamenti opera solo per le operazioni documentate da fattura. Ne restano, pertanto, escluse tutte le operazioni certificate dal fornitore mediante rilascio di ricevuta fiscale, scontrino fiscale e non fiscale oppure mediante altre modalità semplificate di certificazione dei corrispettivi previste dalla legge (invio telematico dei corrispettivi). Lo scopo del legislatore è quello di salvaguardare le piccole spese sostenute dagli enti pubblici, che se assoggettate allo split payment creerebbero grosse difficoltà operative. Sanzioni. Infine, una precisazione molto importante ha riguardato l’aspetto sanzionatorio del meccanismo. Viste le incertezze normative create dal nuovo articolo 17-ter, l’Agenzia esclude la sanzionabilità di tutti gli errori commessi prima dell’emanazione della circolare 1/E, lasciando così aperta la possibilità di una regolarizzazione degli errori commessi a partire dal 1° gennaio 2015 a seguito dell’applicazione del nuovo regime. Pertanto, nel caso in cui l’ente pubblico abbia corrisposto erroneamente al fornitore l’Iva anche in relazione alle operazioni fatturate dopo il 1° gennaio 2015, se il fornitore adempie regolarmente al versamento dell’Imposta, non occorrerà fare nulla per correggere le violazioni commesse; viceversa, se il fornitore ha emesso erroneamente una fattura con l’annotazione scissione dei pagamenti, lo stesso dovrà provvedere a correggere la violazione e le Pa dovranno corrispondere l’imposta direttamente al fornitore. (Fonte AIDC)

14-02-2015 - I codici tributo per lo split payment. - Pronti i codici tributo per il versamento, mediante i modelli F24 ed F24 Enti pubblici, dell’IVA dovuta dalle pubbliche amministrazioni a seguito di scissione dei pagamenti - c.d. split payment. E' con risoluzione n. 15 del 12 febbraio 2015 che l'Agenzia delle entrate ha istituito i codici tributo, dando completezza a tale meccanismo. Con  l'articolo 17-ter del Dpr 633/1972, introdotto dalla legge 190/2014 (Stabilità 2015), si è previsto che per la cessione di beni e prestazioni di servizi effettuate nei confronti della P.A., l’imposta sia versata all’erario dagli Enti stessi secondo termini e modalità fissati dal decreto Mef del 23 gennaio 2015. Il meccanismo dello split payment si applica alle operazioni effettuate a partire dal 1° gennaio 2015, per le quali l’esigibilità dell’imposta si verifica successivamente alla data stessa. La risoluzione avvisa che il versamento dell'imposta da split payment deve essere eseguito dalla P.a. entro il giorno 16 del mese successivo a quello in cui l'imposta diviene esigibile, senza effettuare la compensazione, con le seguenti modalità: - tramite modello "F24 Enti pubblici", per le Pa titolari di conti presso la Banca d'Italia; - con versamento unificato per le Pa, diverse da quelle di cui al punto precedente, autorizzate a detenere un conto corrente presso una banca convenzionata con l'Agenzia delle Entrate ovvero presso Poste italiane; - direttamente all'entrata del bilancio dello Stato con imputazione a un articolo di nuova istituzione del capitolo 1203, per le Pa diverse da quelle precedenti. I codici da usare sono: “620E - IVA dovuta dalle PP.AA.- Scissione dei pagamenti - art. 17-ter del DPR n. 633/1972”, per l'F24 Enti pubblici; “6040 - IVA dovuta dalle PP.AA. - Scissione dei pagamenti - art. 17-ter del DPR n. 633/1972”, per l'F24 ordinario. (Fonte AIDC)

26-01-2015 - Bilancio di previsione 2015, disponibile lo schema di parere. - Sul sito del Consiglio nazionale dei commercialisti è reso disponibile, in formato Word, lo schema di parere sul bilancio di previsione 2015 redatto da Cndcec e Ancrel (Associazione nazionale revisori e certificatori enti locali). Lo schema prende in considerazione la normativa emanata fino al 31 dicembre 2014 e, dunque, anche il rinvio al 31 marzo 2015 del termine per deliberare il bilancio di previsione 2015, ex decreto del ministero dell’Interno del 24 dicembre 2014. È previsto l'aggiornamento periodico del documento sulla base delle novità normative e di prassi. A breve, annuncia il Cndcec sul sito, sarà disponibile anche lo schema di parere sul bilancio di previsione 2015 enti in armonizzazione e lo schema di relazione al rendiconto 2014.

20-01-2015 - Bilancio di previsione 2015. - E' stato differito al 31 marzo il termine per approvare il bilancio di previsione 2015. 

10-01-2015 - Split Payement. - Il MEF con il Comunicato stampa 9.1.2015, n. 7, ha precisato lo “split payment” è applicabile “alle operazioni fatturate a partire al 1° gennaio 2015, per le quali l’esigibilità dell’imposta si verifichi successivamente alla stessa data”. Tale chiarimento risolve la questione (operativa) dell’applicabilità del nuovo metodo anche alle fatture emesse fino al 31.12.2014, che pertanto non saranno interessate dallo stesso.

08-01-2015 Versamento diritto annuale . - Entro fine mese deve essere pagato il diritto annuale di iscrizione all'albo dei revisori legali (iscrizione MEF). Sono in arrivo i bollettini precompilati . Istruzioni complete, le trovate sul sito del MEF. Ecco il link  http://www.revisionelegale.mef.gov.it/opencms/opencms/Revisione-legale/Contribuzione/.

07-01-2015 - Split Payement. - Nella Finanziaria 2015 è stato inserito un nuovo metodo “antievasione” per il versamento dell’IVA all’Erario, in base al quale l’IVA (a debito) viene versata direttamente dal cliente (Ente pubblico) relativamente alle fatture da questo ricevute. Il nuovo metodo è chiamato “split payment”. Tale metodo non ha ancora ottenuto l’autorizzazione da parte della UE ma il legislatore ha deciso di dare applicazione a tale novità già per le operazioni per le quali l’IVA è esigibile dall’1.1.2015. Tale novità perciò comporta un minor incasso da parte del fornitore ed una diminuzione dell’IVA a debito da versare in sede di liquidazione periodica. Molti aspetti (tecnici) non sono ancora stati affrontati, perciò attendiamo ulteriori informazioni-delucidazioni. Per il momento è stato precisato che lo “split payment” NON può essere quindi applicato per: - gli acquisti di beni / prestazioni di servizi soggetti al reverse charge; - le prestazioni di lavoratori autonomi che prestano servizi assoggettati a ritenuta alla fonte “a titolo d’imposta sul reddito”. Gli enti pubblici interessati sono: Stato, Organi dello Stato anche se aventi personalità giuridica, Enti pubblici territoriali e rispettivi consorzi, CCIAA, Istituti universitari, ASL ed enti ospedalieri, Enti pubblici di ricovero e cura con prevalente carattere scientifico, di assistenza e beneficenza e di previdenza. Il riferimento all’esigibilità dell’IVA fa si che il nuovo metodo sarà applicato anche alle fatture emesse entro il 31.12.2014 con “IVA ad esigibilità differita”, pagate dall’Ente pubblico dall’1.1.2015. Anche per tali fatture l’IVA non sarà corrisposta al fornitore bensì versata direttamente a favore dell’Erario da parte dell’Ente pubblico. Per le fatture che dovrete emettere in futuro dovrete indicare in fattura “l’IVA è versata dall’Ente pubblico ai sensi dell’art. 17-ter, DPR n. 633/72”. Non è ancora chiaro se tale novità: - renderà necessarie delle modifiche per il tracciato delle fatture elettroniche (il cui utilizzo generalizzato nei confronti della P.A. è previsto per il 31.3.2015); - comporterà la necessità di emettere note di variazione (note di credito) a seguito del pagamento da parte dell’Ente pubblico della fattura di riferimento (già emesse prima del 01/01/2015 e non ancora saldate a tale data). Non appena verranno resi noti ulteriori dettagli sarà nostra cura tenerVi aggiornati,

16-12-2014 Aggiornamento posizione albo revisori EELL. - Il giorno 16 si chiude il termine per aggiornare la propria posizione di Revisore EELL presso il ministero dell'Interno. Potete fare riferimento a questo link.  http://finanzalocale.interno.it/docum/comunicati/com271014.html

11-11-2014 - Indagine della Corte dei Conti su Idrolario Srl. - La Corte dei Conti ha avviato una indagine su Idrolario Srl (società in house che sino al 31.12.2013 era affidtaria del SII della provincia di Lecco). Trovate il testo della indagine che la Corte ha inviato ai quattro comuni soci, portatori delle maggiori quote di capitale sociale.  http://www.merateonline.it/articolo.php?idd=49891&origine=1&t=Acqua%3A+entra+in+campo+la+Corte+dei+Conti+e+chiede+spiegazioni+su+dissesto+di+Idrolario+e+ruolo+di+LRH+a+Provincia+e+4+Comuni

18.11.2014 - Albo Revisori EELL. - Il Ministero dell’Interno ha reso noto, con un avviso pubblico del 27 ottobre 2014, le disposizioni necessarie ai fini dell’iscrizione nell’Elenco dei revisori dei conti degli enti locali per l’anno 2015. Le indicazioni ministeriali riguardano tanto il mantenimento dell’iscrizione nel citato Elenco dei revisori dei conti degli Enti locali, quanto la disciplina relativa alla presentazione di nuove domande di iscrizione nello stesso Elenco per il nuovo anno. Nell’avviso si legge che a partire dal 3 novembre 2014 e fino alle ore 18,30 del 16 dicembre 2014, i soggetti già iscritti nell’elenco dei revisori degli enti locali, che intendono mantenere l’iscrizione, sono tenuti a dimostrare, per via esclusivamente telematica, il possesso dei requisiti previsti dal relativo Regolamento, pena la cancellazione dall’Elenco. Entro lo stesso lasso temporale, coloro che invece non sono già iscritti, ma intendono farlo, possono presentare domanda di inserimento nell’Elenco, dimostrando il possesso dei requisiti richiesti (art. 3, Regolamento approvato con decreto del ministero dell’Interno n. 23/2012). (Fonte AIDC)

25-10-2014 - Siquel Corte dei Conti. - La relazione alla Corte dei Conti al consuntivo 2013 andrà spedita entro il 20 novembre prossimo. 

08-10-2014 - Bilancio di previsione 2014. - Potrebbe essere probabile un nuovo rinvio del termine per l'approvazione dei bilanci di previsione. Si parla del 30 novembre prossimo. 

30-09-2014 - Equilibri di bilancio. - Ricordo che entro il 30 settembre 2014 dovrà essere rilasciato il parere sugli equilibri di bilancio. 

20-09-2014 - La Banca “tesoriere” dell'ente locale esente da bollo. - Con la risoluzione n. 84 del 2014 l'agenzia delle Entrate risponde ad un interpello in merito all'applicabilità dell'esenzione dall'Imposta di bollo sugli estratti di conto corrente e alle rendicontazioni relative a rapporti di deposito titoli inviati dalle banche nell’ambito del Servizio di Tesoreria. L'Agenzia chiarisce che la documentazione che viene inviata dal tesoriere all'ente locale in relazione a rapporti di conto corrente e di deposito titoli, strumentali allo svolgimento del servizio di tesoreria, è riconducibile all'articolo 27 della Tabella allegata al DPR n. 642/1972, che stabilisce l'esenzione, in modo assoluto, dall'imposta di bollo, per i "Conti delle gestioni degli agenti dello Stato, delle regioni, province, comuni e relative aziende autonome; conti concernenti affari trattati nell'interesse delle dette amministrazioni". Sul recupero dell'imposta di bollo corrisposta dalla banca istante per le annualità 2012 e 2013 in relazione ai conti di tesoreria, tuttavia, si spiega che la via per il recupero può essere solo quella della richiesta di rimborso - entro tre anni a decorrere dal giorno in cui è stato effettuato il pagamento - della Banca istante, essendo preclusa la compensazione con i versamenti dell'imposta di bollo da effettuare nel 2014. (Fonte AIDC)

18-09-2014 - Linee guida Corte dei Conti. - Ancora nessuna notizia in merito alle linee guida per la relazione da inviare alla Corte dei Conti in merito al Consuntivo 2013. In teoria il documento dovrebbe arrivare a breve. Tempi più lunghi (o meglio la soppressione, come avvenuto lo scorso anno) si preannunciano per il bilancio di previsione 2014 che i comuni possono approvare entro il 30 settembre.

14-07-2014 - Differimento del termine per l'approvazione del Bilancio di previsione degli EELL. - Il termine per l'approvazione del bilancio di previsione degli EELL è stato differito al 30 settembre 2014.

02-07-2014 - Siquel bilancio di previsione 2014. - Lo slittamento al 31 luglio dei termini per l'approvazione dei bilanci di previsione (ma esso potrebbe allungarsi ulteriormente) potrebbe fare sopprimere anche per quest'anno l'adempimento dell'invio del Siquel alla Corte dei Conti. E' opportuno monitorare la situazione.

31-05-2014 - Elezioni e verifiche. - Ricordo che se, a seguito delle recenti elezioni, il vs Sindaco è cambiato, è necessario procedere ad effettuare la verifica straordinaria di cassa. 

09-05-2014 -  Differimento al 31 luglio dell’approvazione del bilancio di previsione 2014 degli enti locali. - Sul sito del Ministero dell’Interno è stato pubblicato il decreto che proroga il termine per l’approvazione del bilancio di previsione 2014 al 31 luglio 2014: http://finanzalocale.interno.it/circ/dec11-14.pdf

29-04-2014 - Versamento diritto annuale revisori EELL. - Ricordo che domani scade il termine per effettuare il versamento del diritto annuale del revisore degli EELL. Gli estremi del bollettino li trovate al seguente sito http://finanzalocale.interno.it/ser/revisori/rev_contributo.html. Dopo avere pagato il bollettino, dovete riportare i dati nella vostra area riservata. Ricordo che è opportuno effettuare la stampa della pagina ed allegarci la ricevuta.

24 marzo 2014 - Bilanci degli EELL. - Il Sole 24 Ore di sabato riporta la notizia che, con tutta probabilità, il termine per l'approvazione dei bilanci dei comuni scivolerà al 31 luglio. personalmente vedo più realistica, anche alla luce delle prossime elezioni, il 30 settembre. 

08-03-2014 - Note del Revisore. - Alcuni di noi vengono contattati in questi giorni dalla Corte dei conti per completare il Siquel 2012. Parrebbe infatti che, in assenza di compilazione delle "note del revisore", la procedura non chiuda il file elettronico e non consenta la sua elaborazione. Se avete già detto tutto nelle pagine precedenti, non mi pare il caso di essere ripetitivo, o di allegare addirittura la nostra relazione che accompagna il bilancio.

28-02-2014 - Le vostre nomine a revisore. - Se volete sapere se il vostro nominativo è stato estratto nelle province per le quali avete dato la disponibilità, potete andare sul sito  http://www.prefettura.it/portale/multidip/index.htm . L'accederete alle prefetture delle varie regioni-province. Purtroppo non è possibile fare la verifica per nome (troppa grazia...) ma potete fare passare provincia per provincia le varie estrazioni e controllare se appare il vostro nome e cognome.

04-03-2014 - Note del Revisore. - La Corte dei Conti (Lombardia) sta contattando in questi giorni i revisori che, nell'invio del Siquel relativo al consuntivo 2012, non hanno compilato il file "note del revisore". Non pare esserci scadenza, ma, la mancata compilazione, parrebbe che blocchi la formazione del file elettronico.

13-02-2014 - Relazione di fine mandato. - Sono orami prossime le elezioni in parecchi comuni ed in questo periodo gli enti sono tenuti a predisporre una relazione (relazione di fine legislatura per le Regioni, relazione di fine mandato per le Province e i Comuni) che descriva la situazione finanziaria dell’ente e tutte le attività normative e amministrative attuate durante il mandato (artt. 1-4). Le relazioni, dopo essere state certificate dagli organi di controllo interno dell’ente, entro un termine di dieci giorni, e verificate dal Tavolo interistituzionale, istituito presso la Conferenza permanente per il coordinamento della finanza pubblica, nel termine di venti giorni, sono pubblicate on line sul sito istituzionale della Regione, della Provincia o del Comune insieme al relativo rapporto stilato dal Tavolo interistituzionale. L’ente che non provvede a redigere la relazione è tenuto a motivare le ragioni del mancato adempimento dell’obbligo dandone notizia nella home page del proprio sito istituzionale. Il contenuto della relazione stilata dalla Regione è disciplinato dall’articolo 1 del decreto legislativo n. 149 e fa riferimento a: - sistema ed esiti dei controlli interni; - eventuali rilievi della Corte dei conti; - eventuali carenze riscontrate nella gestione degli enti comunque sottoposti al controllo della Regione, nonché degli enti del Servizio sanitario regionale, con indicazione delle azioni intraprese per porvi rimedio; - eventuali azioni intraprese per contenere la spesa, con particolare riguardo a quella sanitaria, e stato del percorso di convergenza ai costi standard, affiancato da indicatori quantitativi e qualitativi relativi agli output dei servizi resi, anche utilizzando come parametro di riferimento realtà rappresentative dell’offerta di prestazioni con il miglior rapporto qualità-costi; - situazione economica e finanziaria, in particolare del settore sanitario, quantificazione certificata della misura del relativo indebitamento regionale; - individuazione di eventuali specifici atti legislativi, regolamentari o amministrativi cui sono riconducibili effetti di spesa incompatibili con gli obiettivi e i vincoli di bilancio; - stato certificato del bilancio regionale. La relazione deve essere redatta entro novanta giorni dalla scadenza naturale della legislatura, che diventano quindici nel caso di scioglimento anticipato del Consiglio regionale. La relazione di fine mandato predisposta dalle Province e dai Comuni ha un contenuto analogo a quella delle Regioni, ma con qualche differenza, dovendo essa includere: - sistema ed esiti dei controlli interni; - eventuali rilievi della Corte dei conti; - azioni intraprese per il rispetto dei saldi di finanza pubblica programmati e stato del percorso di convergenza verso i fabbisogni standard; - situazione finanziaria e patrimoniale, anche evidenziando le carenze riscontrate nella gestione degli enti controllati dal Comune o dalla Provincia, ai sensi dei numeri 1 e 2 del comma primo dell’articolo 2359 del codice civile, e indicando azioni intraprese per porvi rimedio; - azioni intraprese per contenere la spesa e stato del percorso di convergenza ai fabbisogni standard, affiancato da indicatori quantitativi e qualitativi relativi agli output dei servizi resi, anche utilizzando come parametro di riferimento realtà rappresentative dell’offerta di prestazioni con il miglior rapporto qualità-costi; - quantificazione della misura dell’indebitamento provinciale o comunale.

10-02-2014 - Preventivo 2014. - Il termine per l'approvazione del bilancio di previsione 2014 è il 28 febbraio prossimo. E' però quasi certa la proroga; parrebbe, al 30 aprile. 

29-01-2014 - Le verifiche dei revisori (11). - Suggerisco in occasione della quarta verifica trimestrale di effettuare una campionatura delle delibere. Privilegerei quelle di giunta (dove le minoranze non sono presenti e dove, in teoria, potrebbero sorgere criticità. Ritengo che, in comuni di piccole dimensioni (sino a 1000 abitanti) sia sufficiente effettuare un monitoraggio a campione su 5 (massimo 10) delibere.

14-01-2014 - Siquel Consuntivo 2012. - In via assolutamente informale, pare che la C. dei C. ammetta l'invio telematico nel corso del corrente mese di gennaio, conscia che i revisori, non sono stati messi nella condizione di adempiere dai numerosi "stop" del software. .... Ma non attendete oltre questo mese. 

30-11-2013 - Scadenza invio Siquel consuntivo 2012. - Dovrebbe essere stato rinviato il termine per la presentazione del siquel alla corte dei conti. La nuova scadenza parrebbe essere il 17 dicembre pv. Purtroppo sui siti ufficiali tale comunicazione ancora non risulta.  

23-11-2013 - Aggiornamento requisiti revisori EELL. - Entro il 12 dicembre scade il termine per l'iscrizione o l'aggiornamento della propria posizione di Revisore dei conti degli EELL. L'aggiornamento va fatto sul solito sito del Ministero.  

06-11-2013 - SIquel Rendiconti 2012. - Le linee guida (Siquel) sui rendiconti 2012 dovrebbero avere scadenza 30 novembre prossimo. Occorre tenere monitorato il sito della Corte dei Conti per verifcare l'apertura dei termini. 

06-11-2013 - La pubblica amministrazione esclusa dallo spesometro 2012 e 2013. - Con provvedimento n. 2013/128483, del 5 novembre 2013, l'Agenzia delle entrate esclude dallo spesometro lo Stato, le regioni, le province, i comuni e gli altri organismi di diritto pubblico. Tale dispensa vale per la comunicazione delle operazioni che interessano gli anni 2012 e 2013. L'obbligo di comunicazione scatta dal 1° gennaio 2014, ma solo per le operazioni rilevanti ai fini Iva non documentate da fattura elettronica. Le disposizioni del provvedimento in commento sopprimono il punto 2.2 del provvedimento del 2 agosto 2013. L'esclusione dalla comunicazione si è resa necessaria viste le difficoltà che stanno emergendo per l'individuazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva, difficoltà che dovrebbero essere superate con la progressiva introduzione del piano dei conti integrato, insieme alle regole contabili di natura civilistica, così come stabilito dalla legge n. 196, del 31 dicembre 2009. Come previsto dal provvedimento del 2 agosto 2013, i termini per provvedere alla comunicazione sono, a seconda che si tratti di contribuenti con liquidazione Iva mensili, il 10 aprile o il 20 aprile dell'anno successivo a quello di riferimento. (Fonte AIDC).

23-10.-2013 - Varie Importanti. - Ieri mattina ho partecipato ad un corso presso l’ODCEC di Lecco sugli EELL. Tra le varie informazioni che ci sono state date ne sono emerse alcune di rilevante importanza (oggetto anche di test), che vi segnalo sinteticamente le seguenti. • Se in caso di verifica degli equilibri, si accerti il “disequilibrio” dell’Ente, si può procedere a deliberare l’incremento dell’aliquote IMU. Esse debbono essere effettuate entro il 30 novembre prossimo e pubblicate sul sito web del comune entro il successivo 09 dicembre, diversamente la delibera perde di efficacia (con conseguente permanenza delle vecchie aliquote); • La compensazione (1^ casa, terreni e fabbricati agricoli) IMU, deve essere spostata dal titolo I al titolo II stante il fatto che si configura come un trasferimento dello Stato; • Il Fondo di solidarietà va iscritto al titolo I; • Le transazioni legali debbono essere BEN MOTIVATE altrimenti non possono essere oggetto di riconoscimento quale debito fuori bilancio; • La salvaguardia degli equilibri può essere posticipata al 30 novembre se il bilancio NON è stato approvato prima del 31 agosto, diversamente restava al 30 settembre; • Il Dlgs 33/2013 art 14 (Trasparenza) prevede l’obbligo di pubblicazione sul sito del comune della situazione economico, patrimoniale di sindaco assessori e consiglieri (anche i loro coniugi se gli stessi non si rifiutano). Verificate perché le sanzioni sono elevate e la scadenza per l’adempimento è il 31 ottobre pv.

24-09-2013 - Preventivo al 30 novembre. - Il Ministero dell'Interno, con un comunicato, ha disposto il differimento del termine per l'approvazione dei bilanci di previsione 2013 che ora "scadono" il 30 novembre (http://www.finanzalocale.interno.it/docum/comunicati/com020913bis.html

16-09-2013 -  Revisori dei conti enti locali, a novembre il versamento del contributo. - È l'11 novembre 2013 (60 giorni dalla data di pubblicazione del decreto) il termine ultimo entro il quale ciascun iscritto nell'elenco dei revisori dei conti degli enti locali, in vigore dal 1° marzo 2013, deve versare il contributo di euro 25 relativo al 2013. La scadenza è evidenziata dal Ministero dell'interno, nel comunicato del 10 settembre 2013, aggiornato al 13 settembre a seguito della pubblicazione del decreto del 21 giugno 2013, pubblicato sulla “Gazzetta Ufficiale” n. 214 del 12 settembre 2013. Per gli anni successivi al 2013 il termine per il versamento è stabilito al 30 aprile di ogni anno. Il versamento deve essere effettuato mediante apposito bollettino di conto corrente postale intestato, secondo quanto specificato nel comunicato, alla Tesoreria Viterbo – Ministero interno – art. 4 bis DL 79/2012, con la causale: “Contributo dei revisori dei conti degli enti locali anno 2013”, integrata dal codice fiscale dell'iscritto. A completamento della procedura ed entro il termine previsto per effettuare il versamento, ciascun iscritto dovrà collegarsi, tramite le proprie credenziali, all'indirizzo Internet http://www.finanzalocale.interno.it/apps/revisori.php ed inserire le coordinate del proprio versamento.

09-09-2013 - Spesometro anche per gli EELL. - L’Age, con provvedimento Prot. 2013/94908 del 02.08.2013 ha esteso l’obbligo di comunicazione di cui all’art. 21 del Dl. n. 78/10, convertito dalla Legge n. 122/10 (il c.d. “spesometro”, anche agli Enti Locali, sebbene con riferimento alle sole attività commerciali. Infatti tale provvedimento prevede che “Sono, altresì, esclusi dall’obbligo di comunicazione dei dati di cui al punto 3.1, lettere a) e b), lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni e gli altri organismi di diritto pubblico in relazione alle operazioni effettuate e ricevute nell'ambito di attività istituzionali, diverse da quelle previste dall'articolo 4 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.”. Ne consegue che rientrano le sole operazioni svolte in ambito commerciale Iva (anche se parrebbe che sull'argomento permangano parecchi dubbi (per cui è auspicabile un nuovo intervento sull'argomento nelle prossime settimane). Ricordo infine che la scadenza per l'adempimento è prevista per il prossimo 12 e 21 novembre 2013.

05-07-2013 - Pubblica amministrazione, il 5 luglio l'elenco dei creditori. - Nell'ambito del pagamento dei crediti alle imprese, il primo impegno che attende le pubbliche amministrazioni ha scadenza il 30 giugno 2013, quando i creditori dovranno essere informati sull'importo del loro credito e sulla data entro la quale si provvederà al pagamento. Lo strumento di comunicazione suggerito dalla legge è la Pec. Altra scadenza è il 5 luglio 2013, quando ciascun ente dovrà pubblicare sul sito internet, nella sezione “Amministrazione trasparente”,  l'elenco di tutti i debiti per i quali è stata data la comunicazione, in ordine cronologico di emissione della fattura o della equivalente richiesta di pagamento. Chi adempierà in ritardo alla procedura sarà sanzionato con il pagamento di 100 euro al giorno per ogni giorno di ritardo nella certificazione del credito. Entro il 5 luglio gli enti locali potranno accedere alla seconda tranche dei bonus sul Patto di stabilità, per i quali entro il 15 luglio il ministero dell'economia deciderà l'assegnazione. L'utilizzazione dovrà avvenire, almeno per il 90%, entro il 2013, per evitare la sanzione. (Fonte AIDC)

20-06-2013 - Dal 1° luglio in vigore i modelli F24 con i campi relativi ai Comuni. - Con il provvedimento n. 2013/75075 del 19 giugno, l’Agenzia delle Entrate ha approvato le modifiche ai modelli di versamento F24, F24 accise e F24 semplificato per l’esecuzione dei versamenti da effettuare ai Comuni. Così, con riferimento ai tre modelli citati, nella stessa riga dove è presente l’intestazione “SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI”, verrà inserito uno nuovo spazio denominato “IDENTIFICATIVO OPERAZIONE”. Nel caso dell’F24 semplificato, non essendo presente la sezione Imu, il nuovo campo verrà inserito in corrispondenza della sezione “MOTIVO DEL PAGAMENTO”. Nel nuovo campo, i contribuenti, su richiesta del Comune, dovranno riportare il codice che qualifica l’operazione a cui si riferisce il pagamento. Con le variazioni ai modelli, di conseguenza, cambiano anche le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati all’Agenzia. Anch’esse vengono illustrate nel provvedimento direttoriale del 19 giugno. E, in caso di trasmissione telematica mediante modello F24, cambia pure la quietanza da restituire al contribuente. Fa parte integrante del provvedimento, infatti, anche il nuovo modello di quietanza dei versamenti eseguiti con modalità telematiche e la relativa legenda. Le modifiche apportate entreranno in vigore dal 1° luglio 2013. I nuovi modelli saranno disponibili presso gli sportelli delle banche, di Poste italiane Spa, degli agenti della riscossione e, in formato elettronico, sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Tuttavia, i “vecchi” modelli F24 potranno essere utilizzati fino al 30 aprile 2014, a condizione che per il versamento non sia necessario compilare il nuovo campo “IDENTIFICATIVO OPERAZIONE”. (Fonte AIDC)

14-06-2013 - Bilancio degli EE.LL. - Comunicato del 14 giugno 2013 di Mini.Interno. - "Si comunica che con legge 6 giugno 2013 n. 64 di conversione del decreto legge 8 aprile 2013 n. 35 è stato differito al 30 settembre 2013 il termine per l’approvazione del bilancio di previsione degli enti locali, precedentemente fissato  al 30 giugno 2013 dal comma 381 dell’articolo 1  della legge 24 dicembre 2012 n. 228. Tale modifica è stata prevista dal comma 4-quater dell’articolo 10  del  decreto legge n. 35 del 2013 ed, in particolare,  al capoverso  n. 1) della lettera b di tale comma. Il successivo capoverso n. 2, lettera b) dello stesso comma 4-quater ha altresì previsto che “ove il bilancio  di previsione per l’anno 2013 sia deliberato dopo il 1° settembre, per l’anno 2013, è facoltativa l’adozione della delibera consiliare di cui all’articolo 193, comma 2, del citato testo unico di cui al decreto legislativo n. 267  del 2000”".

08-06-2013 -  Debiti Pa: in “Gazzetta” la legge di conversione. - Il Dl n. 35/2013 relativo ai pagamenti dei debiti della Pubblica amministrazione è stato convertito in legge. Il Dl è stato trasformato nella Legge n. 64/2013 - in “Gazzetta Ufficiale” n. 132 del 7 giugno 2013 – dal titolo: “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, recante disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali. Disposizioni per il rinnovo del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria”. Si dispone che entro il 5 luglio 2013, le Pubbliche Amministrazioni dovranno pubblicare sul proprio sito internet l'elenco completo dei debiti, per ordine cronologico di emissione della fattura o della richiesta equivalente di pagamento, per i quali è stata effettuata comunicazione, indicando l'importo e la data prevista di pagamento comunicata al creditore. La mancata pubblicazione comporterà responsabilità dirigenziale, ai sensi del Dlgs n. 165/2001, nei confronti dei dirigenti responsabili. Gli stessi dirigenti potranno essere assoggettati anche ad una sanzione pecuniaria pari a 100 euro per ogni giorno di ritardo nella certificazione del credito. Inoltre, la Legge di conversione ribadisce la doppia garanzia statale per il pagamento dei debiti della Pa maturati alla data del 31 dicembre 2012: è prevista, infatti, la cessione di garanzia dello Stato a favore di istituzioni finanziarie nazionali, comunitarie e internazionali, al fine di consentire l’integrale pagamento dei debiti maturati, oltre che la concessione della garanzia statale a banche e altri intermediari finanziari sempre per agevolare le cessione dei relativi crediti. Da sottolineare, però, che la suddetta cessione della garanzia a favore di istituzioni finanziarie dovrà essere disposta da apposito provvedimento del ministero dell’Economia; essa, inoltre, non è automatica in quanto rientra tra le iniziative che eventualmente dovranno essere adottate dalla legge di Stabilità per il 2014. Grazie a due emendamenti che sono passati in sede di conversione in legge del Dl 35/2013, è stato poi stabilito che gli enti locali non sono più tenuti al pagamento dell’Imu all’Erario per gli immobili ad uso produttivo classificati nella categoria D che insistono sul loro territorio, come pure per i fabbricati rurali ad uso strumentate ubicati nei Comuni classificati montani o parzialmente montani di cui all'elenco predisposto dall'Istat. Inoltre, i comuni avranno diritto al rimborso di 600 milioni di euro per le somme pagate sugli immobili di proprietà comunale per il biennio 2012-2013. (Fonte AIDC)

01-05-2013 - Relazione al conto consuntivo 2012 - Un particolare risalto suggerisco di dare quest'anno alla verifica dei debiti/crediti delle società partecipate evidenziando eventuali discordanze contabili. Le società partecipate saranno sicuramente oggetto di attenzione da parte della Corte dei Conti quando dovremo predisporre la relazione "linee guida".

16-04-2013 - Raccomandazioni del revisore alla relazione al consuntivo 2012. - Personalmente sto inserendo le seguenti raccomandazioni nelle mie relazioni al consuntivo del EELL dove sono revisore: "Stante la continua evoluzione della finanza pubblica il revisore raccomanda tra l’altro: - un costante ed approfondito monitoraggio degli equilibri finanziari ed economici dell’Ente; - La verifica dei requisiti idonei alla permanenza a bilancio dei residui, in particolare quelli attivi; - la costante ricerca del raggiungimento e/o mantenimento delle coperture del costo dei servizi offerti dal Comune; - la costante ottimizzazione, compatibilmente con la funzione pubblica, della resa dei Beni di proprietà dell’Ente; - di valutare anche per il 2013, considerata la volatilità della finanza pubblica (con riferimento specifico alle incertezze sui trasferimenti statali), di procedere all’utilizzo dell’avanzo 2012 con estrema oculatezza. - Il costante monitoraggio dei ruoli con riferimento alla tempestività di emissione."

15-04-2013 - Le verifiche dei revisori (10) - Alla luce dei recenti provvedimenti introdotti, suggerisco di aggiungere i seguenti punti nei verbali delle vostre verifiche. Verifica: adempimenti MEPA; Stazione Unica appaltante; Applicazione effettiva del regolamento dei controlli interni; Istituzione del regolamento anticorruzione; Attestazione degli esuberi;

11-04-2013 - Il Decreto PagaDebiti della PA. - E' stato pubblicato in GU il vergognoso decreto 35 "PagaDebiti". E' importante leggerlo per rendersi conto della vergogna che grida. Fate attenzione i debiti (pochi) che vengono pagati, sono solo quelli in parte corrente.

09-04-2013 - Oneri per i revisori ed i responsabili finanziari. -  Entro la fine di aprile ci sono alcune scadenze che, come revisori dovremo verificare. Prima di tutto il rendiconto 2012. Poi dovremo verificare che i Ragionieri abbiano: redatto il piano anticorruzione (DL 33/2013); redatto l'anagrafe patrimoniale-reddituale degli amministratori; provveduto ad adeguare i pagamenti dell'Ente ai 30 giorni; effettuato l'iscrizione per le certificazioni dei crediti della PA.

02-04-2013 - Prima di effettuare una assunzione in un Comune. - Ricordatevi che il Ragioniere abbia rilasciato l'attestazione che non ci sono esuberi. Essa deve essere fatta ad inizio anno e comunque prima di una assunzione.

06-03-2013 - Pronto l'elenco dei revisori dei conti degli enti locali. - Pubblicato sul sito del Ministero dell'interno – Dipartimento per gli affari interni e territoriali – il decreto del 28 febbraio 2013 con il quale è approvato l'elenco dei revisori dei conti degli enti locali dal quale saranno estratti i nominativi a decorrere dal 1° marzo 2013 e fino al 31 dicembre 2013. Il nuovo elenco - stilato dopo che erano stati riaperti i termini per la re-iscrizione o la permanenza nello stesso con avviso pubblico sulla Gazzetta Ufficiale del 21 dicembre 2012, scaduto il 21 gennaio 2013 - è composto da 13.479 nominativi e comprende tutti coloro che nel 2012 hanno accumulato 10 crediti formativi all'interno dei corsi organizzati dagli ordini locali, amministrazioni ed enti privati certificati preventivamente dal Ministero dell'interno. (Fonte AIDC)

13-02-2013 - Parere Corte dei Conti Lombardia sulle Convenzioni Comunali. - La Corte dei Conti della Lombardia ha rilasciato il parere 513/2012/PAR in materia di Convenzioni di servizi comunali-costo del personale. E' importante prenderne conoscenza prima di rilasciare il parere del revisore. 

05-02-2013 - DL 174. - Ricordo che è stato convertito in Legge il D.L. 174/12 (Decreto Enti Locali): la Legge 213/12 di conversione è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 7 dicembre 2012. Il provvedimento, oltre alle norme riservate alle Regioni, riscrive l'art. 147 del TUEL, rafforzando il sistema dei controlli negli Enti Locali e potenziando il ruolo del Segretario Generale, del Ragioniere Capo, del Collegio dei Revisori e della Corte dei Conti. Vi invito tutti a darci un'occhiata alla luce dei riflessi che tale decreto ha sulla nostra attività.

26-01-2013 - Trasparenza negli EELL ed Enti Pubblici. - Lo scorso 22 gennaio sono stati approvati due Dlgs che di fatto fanno entrare in vigore la normativa in materia di trasparenza che attua la legge 190 del 2012. Sarà meglio darci un'occhiata ed invitare i ns comuni a provvedere in merito. La disciplina dovrebbe riguardare anche le società "in House" (http://www.altalex.com/index.php?idnot=61243).  

14-01-2013 - Nomine Revisori EELL. - L'aggiornamento della propria posizione presso il Ministero non è particolarmente difficile per chi aveva già presentato domanda ed è rimasto escluso a causa del titolo dei corsi: ve lo dice uno che di web non ci capisce molto. Dovete infatti accedere alla zona di modifica dei propri dati e praticamente riconfermare i vecchi dati aggiungendo i corsi effettuati dall'Ordine Locale dove vi siete recati. Nel mio caso ad esempio, essendomi recato a Bergamo, ho richiamato i corsi di quell'Ordine, ed essi sono stati acquisiti dalla procedura. Ho poi ricontrollato i vecchi dati, riconfermato le classi di comuni e basta (speriamo...). Ricordatevi infine che dovete tenere vicino la Smart Card per la firma digitale del file da spedire al Ministero dopo avere fatto il download.   

12-01-2013 - Nomine Revisori negli EELL. - Dopo la prima di  formazione dell'elenco con tutti i soggetti che sono stati scorrettamente esclusi, il sito di Mininterno  http://finanzalocale.interno.it/apps/revisori.php/login consente l'aggiornamento della propria posizione per inserire i convegni accreditati ai quali si è parteciapto. ATTENZIONE: il termine per aggiornare la propria posizione scade il 21 gennaio pv (salvo proroghe ad oggi non previste.

24-12-2012 - Bilancio di previsione 2013. - La legge di stabilità appena approvata prevede che esso avrà scadenza 30 giugno 2013. Tuttavia tale termine sarà prorogabile con DM per comprovate necessità. 

24-12-2012 - Elenco Revisori. - A gennaio dovrebbe essere pubblicata in GU la  riapertura del termine per l'iscrizione all'albo dei revisori da parte di coloro che nel 2012 hanno conseguito i punti accreditati dal Ministero.

19-12-2012 - Elenco Revisori. - Il Ministero avrebbe informalmente dato la propria disponibilità (Fonte ODC di Bergamo) ad una veloce riapertura dei termini per l'iscrizione all'elenco da parte di coloro che sono stati (ingiustamente lo dico io) esclusi dalla prima formazione e che nel corso del 2012 hanno maturato i dovuti crediti formativi (almeno 10). Prosegue quindi la telenovela in merito alla quale vi terremo informati. 

04-12-2012 - L'elenco dei revisori: ecco l'epurazione. -  Il ministero ha pubblicato l’elenco dei revisori contabili degli enti locali. Sono solo 4.146 in tutta Italia. A partire dal 10 dicembre, i nuovi controllori dei bilanci di Comuni e Province saranno estratti proprio da tale elenco. L’ elenco lo trovate sul sito internet del Ministero dell’interno – Dipartimento per gli affari interni e territoriali, con effetti di pubblicità legale. Chi non è rientrato in questo primo elenco (tantissimi) dovrà attendere il prossimo giro di apertura alle iscrizioni. La vergogna e l'appalesarsi della epurazione è nella "fedeltà" del Ministero alla letteralità della normativa che prevedeva "...di considerare solo i crediti formativi maturati nel campo della contabilità pubblica e nella gestione economica/finanziaria degli enti locali, mentre il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti aveva abbracciato una interpretazione più flessibile, accogliendo anche i crediti derivanti dalla partecipazione ai corsi di diritto tributario....". In poche parole sino ad ora (dal 1992!) gli EELL sono stati controllati da tanti soggetti non qualificati, ma ora che è intervenuto il Ministero siamo tutti tranquilli che è stata fatta piazza pulita.....

30-11-2012 - Assestamento. - Oggi è l'ultimo giorno per i comuni per effettuare gli assestamenti di bilancio: in pratica l'ultima "grande" variazione prima di fine anno. Il parere del Revisore è necessario. 

28-11-2012 - Pareri dei revisori ex nuovo art. 239 TUEL. - In questi giorni i revisori degli EELL potrebbero trovarsi a dovere rendere una autentica valanga di pareri in ordine ai più disparati temi. Causa ne è la sciagurata riformulazione dell'articolo 239 del TUEL. Vi invito a prestare particolare attenzione ai pareri che rilasciate, soprattutto quando hanno per oggetto personale, affidamenti di servizi, eccetera. 

16-11-2012 - Siquel. - A fare data da ieri è stato reso accessibile l'inserimento dei dati relativi al consuntivo 2011 nel programma siquel della Corte dei Conti.

12-11-2012 - Revisori EELL: L'epurazione si ferma prima di iniziare? - Sembrerebbe che il Presidente del collegio dei revisori di Province, Città metropolitane, Comuni con più di 60.000 abitanti e di quelli capoluogo di Provincia non sarà un dipendente ministeriale. Tale prospettiva sarebbe prevista nella bozza di decreto che andrà in discussione in parlamento (a seguito di emendato in Commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera). Staremo a vedere.

08-11-2012 - Accesso agli atti di un Consigliere. - Il Tribunale di giustizia amministrativa di Trento ha sentenziato (12 ottobre 2012 n. 305) che "Il Consigliere ha diritto di accedere agli atti di una società autostradale partecipata, per conoscere il numero delle "Tessere" di circolazione, a dis posizione di privati che così non pagavano il pedaggio". La ragione di tale dispositivo sta nel fatto che le tessere gratuite comportano un onere indiretto per l'amministrazione comunale.

30-10-2012 - Le verifiche dei revisori (09). - Raccomando la vigilanza sulle società partecipate, in particolare quelle "In-house". In occasione della abituale ricognizione fatevi rilasciare il regolamento comunale sulle società partecipate: vedrete quali sono i tempi, modi e modalità che l'Ente ha previsto a carico delle sue società, per ricevere i dati di cui necessita.

12-10-2012 - Revisori EELL: inizia l'epurazione. -  Il decreto legge n. 174, del 10 ottobre 2012, concernente “Disposizioni urgenti in materia di finanza e funzionamente degli enti territoriali, nonché ulteriori disposizioni in favore delle zone terremotate nel maggio 2012” apporta con l'articolo 3 modifiche al Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali. Le nuove disposizioni vedono il potenziamento del ruolo del responsabile di ragioneria che, secondo le nuove disposizioni, deve esprimere il proprio parere su ogni proposta di deliberazione che comporti riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell'ente e che, come da variazione apportata all'articolo 109 del TU, può essere revocato dal suo incarico esclusivamente in caso di grave irregolarità riscontrata nell'esercizio delle funzioni assegnate. L'inserimento del comma 2-bis all'articolo 234 del TU, prevede che nei comuni con popolazione superiore a 60.000 abitanti e in quelli capoluogo di provincia un componente del collegio dei revisori sia nominato tra i dipendenti dei Ministeri dell'interno e dell'economia. La nuova disposizione non chiarisce se anche i nuovi destinatari degli incarichi dovranno possedere gli stessi requisiti richiesti ai professionisti iscritti all'Albo dei revisori legali o dottori commercialisti per essere nominati tra gli organi di revisione degli enti locali, che rimangono esclusi dall'assegnazione di circa 250 incarichi. (Fonte AIDC).

06-10-2012 - Elenco revisori. - Ancora nessuna novità alla data odierna:, l'elenco dei revisori sul sito del Ministero non è ancora prensente. Si ritiene pertanto che in sua assenza le nomine possano avvenire secondo la "vecchia" prassi. 

02-10-2012 - I corsi per i revisori. - Alla data odierna l'ODCEC al quale appartengo non ha organizzato alcuno corso riconosciuto dal Ministero per l'accreditamento valido ai fini della specifica formazione continua. Mi risulta che in tale senso si siano mossi invece diversi Ordini: vi invito ad attivarvi in merito. 

18-09-2012 - Elenco revisori. - Alla data odierna, l'elenco dei revisori sul sito del Ministero non è ancora prensente. Si ritiene pertanto che in sua assenza le nomine possano avvenire secondo la "vecchia" prassi. 

15-09-2012 - Relazioni Corte dei Conti. - Dopo avere realizzato che le relazioni difficilmente possono cronologicamente essere antecedenti all'approvazione dei bilanci, la corte dei conti ha rinviato il termine per la stesura e l'inoltro delle relazioni (al bilancio ed al rendiconto) dei revisori al 30 novembre 2012.

06-08-2012 - Bilancio di previsione 2012. - Mentre la Corte dei Conti richiede le relazioni ai preventivi 2012 entro il prossimo 30 settembre, il governo ha prorogato il termine per la loro approvazione (causa i recenti tagli ai trsferimenti) al 31 ottobre 2012.

23-07-2012 - Nomine Revisori negli EELL (6). - Dopo la fase dell'iscrizione scaduta lo scorso 15 luglio è ora la fase della formazione dell'elenco. Attualmente il sito di Mininterno  http://finanzalocale.interno.it/apps/revisori.php/login non fornisce alcuna informazione, ed all'interrogazione risponde con la seguente frase: "non è possibile mostrare un elenco revisori in questo momento!".

30-06-2012 - Bilancio di previsione 2012 (02). - Neanche fossi stato buon profeta: il Ministero dell'Interno con nota i GU n. 147, del 26 giugno, ha disposto che la nuova data ultima per presentare il bilancio di previsione sarà il prossimo 31 agosto. Questa data lascia presumere che le relazioni alla corte dei conti dovranno essere inviate dai revisori nel prossimo autunno.

20-06-2012 - Bilancio di previsione 2012. - Il Ministero ha accolto le numerose richieste dei comuni di rinviare il termine per l'approvazione dei bilancio di previsione 2012. La richiesta è stata accolto portando la scadenza al 31 ottobre; ma mi chiedo che previsione è, una previsione al 31 ottobre...

16-06-2012 - Nomine Revisori negli EELL (5). - Comunicato dell'Unione Giovani Dottori Commercialisti: "L'Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili su indicazione del Presidente della Commissione Studio Enti Locali, dr Sandro Spella, ha trasmesso l'allegato file circa l'Avviso pubblico emanato dal Dipartimento per gli affari interni e territoriali per l'iscrizione, negli appositi elenchi, dei revisori dei conti degli Enti Locali. Per il decreto il sito internet a cui fare riferimento è il seguente: http://www.finanzalocale.interno.it/circ/dec6-12.html. Invece per il comunicato stampa, bisogna andare sul sito: http://www.finanzalocale.interno.it/docum/comunicati/com070612.html".

09-06-2012 - Nomine Revisori negli EELL (4). - Come scritto il 4 maggio scorso, occorre effettuare la verifica dei codici dei corsi e convegni ai quali avete partecipato negli anni 2009-2011 per potere quantificare i punti ed accedere alla prima formazione degli elenchi. Colgo l'occasione per  segnalarvi con questa news, che al seguente indirizzo internet http://www.cndcec.it/Portal/FPC/Ricerca.aspx, potete consultare TUTTI gli eventi di quel periodo, i punti maturati e la categoria ai quali appartengono.

08-06-2012 - Nomine Revisori negli EELL (3). -  Si avvicina la presentazione della domanda per gli elenchi dei revisori dei conti. Con l'avviso pubblico del 5 giugno 2012, il Ministero dell'Interno comunica che perentoriamente entro e non oltre trenta giorni successivi a quello di pubblicazione dell'avviso stesso nella “Gazzetta Ufficiale” sarà possibile presentare la domanda per l'inserimento nell'elenco dei revisori dei conti degli enti locali, previsto dal regolamento approvato con decreto del Ministro dell'Interno n. 23, del 15 febbraio 2012. La presentazione dovrà avvenire esclusivamente in via telematica, accedendo all'home page del sito della Direzione centrale della finanza locale http://finanzalocale.interno.it/ , attraverso il link “Elenco revisori locali”. Nella compilazione della domanda sarà richiesto di dichiarare il possesso dei requisiti previsti sotto la propria responsabilità, a rischio di sanzioni penali in caso di dichiarazioni mendaci. Avrà prevalenza l'iscrizione con maggiore anzianità per i soggetti iscritti sia nel Registro dei revisori contabili che all'Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili. (Fonte AIDC)

28-05-2012 -  Nomine Revisori negli EELL (2). - Il CNDCEC ha diramato l'informativa n. 44 del 22 maggio 2012, con la quale ha evidenziato la circolare n. 7 del 5 aprile 2012 di MinInterno che fornisce le prime indicazioni relative alle nuove regole per la nomina dei revisori negli EELL. Ricordo che la formazione dell'elenco dei revisori dei conti degli Enti locali è attribuita alla competenza del Ministero dell’Interno. Dopo la formazione dell'elenco, il Ministero renderà nota (pubblicandola in GU), la data di effettiva applicazione delle nuove procedure di nomina. Solo dopo la pubblicazione in GU le prefetture potranno effettuare le estrazioni. La circolare evidenzia che, gli organi di revisione una volta scaduti beneficiano della prorogatio massima di 45 giorni. Ciò precisato, la circolare ricorda che i revisori scaduti prima della data di effettivo avvio della procedura, continuano ad essere nominati con le vecchie regole del 267/2000, non prima di avere comunque esaurito la prorogatio. Se il procedimento di rinnovo però, non si coclude prima della entrata in vigore della nuova normativa, si applicheranno le nuove procedure. Da ultimo evidenzio che, alla circolare, sono state allegate le "linee guida" per l’iscrizione dei revisori nell’elenco.

19-05-2012 - Le verifiche dei revisori (08). - In occasione delle prossime verifiche trimestrali suggerirei di inserire una moderata ma ferma raccomandazione al monitoraggio delle entrate da ruoli, Imu e trasferimenti dello Stato. La crisi sta colpendo veramente duro ed il rischio che tanti non paghino i ruoli è tutt'altro che scontato. Anche Imu e trasferimenti sono da tenere sotto controllo in quanto i dati comunicati dal MEF sono, a volte, veramente inattendibili. Da tenere sotto controllo anche il saldo di cassa: sta diventando (quanto meno nei piccoli comuni) un buon indicatore dello stato della finanza dell'Ente (anche se ovviamente senza valenza assoluta).  

07-05-2012 - Nomine Revisori negli EELL (1). - "L’Osservatorio EE.LL. dell’IRDCEC ha pubblicato ieri (il 03 maggio) un documento di analisi delle nuove modalità di nomina dei revisori degli Enti locali alla luce del contenuto del Decreto del Ministero dell’Interno n. 23 del 15 febbraio 2012, che dà attuazione alle disposizioni dell’art. 16, comma 25 del DL n. 138/2011 convertito. Il documento effettua una ricognizione dello “stato dell’arte” di quella che è stata una vera e propria rivoluzione nel mondo della revisione degli Enti locali. I due principali elementi di innovazione introdotti sono: a) l’istituzione di un elenco su base regionale dei revisori dei conti degli Enti locali in possesso dideterminati requisiti professionali e di adeguata formazione in materia; b) l’introduzione di una modalità di selezione casuale dei revisori tramite estrazione dall’elenco regionale. Le nuove disposizioni sono applicate a decorrere dal primo rinnovo dell’organo di revisione successivo all’entrata in vigore del decreto ministeriale attuativo (4 aprile 2012). (Fonte Eutekne).

04-05-2012 - I codici per verificare la formazione continua maturata. - Un avviso importante per i revisori. Per verificare se avete maturato nel triennio 2009 - 2011 i famosi crediti formativi, dovete guardare i codici degli eventi ai quali avete partecipato. Infatti il CNDCEC nella sua informativa n. 28 del 30 marzo scorso ritiene che le macroaree "C2 -C7 -D1 - D7" siano idonee a concorrere alla formazione dei 15 punti.

20-04-2012 - Il Consuntivo 2011: occhio ai residui. - In occasione del rilascio del parere sul consuntivo 2011, tra le altre cose, occorre effettuare una attenta attività di ricognizione dei residui. Le ragioni sono molto semplici: A) essi rendono il bilancio del vostro Comune meno affidabile (specie se si parla dei residui attivi), B) vi espongono a richieste di chiarimenti da parte della Corte dei Conti sulla loro anzianità e del perchè permangono, C) non vi consentono di comprendere la reale situazione del bilancio stesso in vista dei prossimi incassi Imu. Se non operate in comuni eccessivamente grandi, vi raccomando una "spulciata" ad uno ad uno con il responsabile del servizio.

10-04-2012 - Revisori enti locali: prorogatio per quelli in scadenza prima dell’avvio delle nuove regole. - Ad illustrare le modifiche operate sui criteri per la nomina dei revisori dei conti degli enti locali, ex art. 16, comma 25, D.L. n. 138/2011, convertito in L. n. 148/2011, è intervenuta la circolare n. 7/FL del 5 aprile 2012, del Ministero dell’interno. Le direttive per la procedura di nomina dei revisori sono contenute nel decreto del 15 febbraio 2012 del Ministero dell’interno, pubblicato sulla “Gazzetta Ufficiale” del 20 marzo, il quale prevede che i revisori dei conti degli enti locali siano scelti mediante estrazione a sorte. L’effettivo avvio della nuova procedura, rammenta la circolare, inizierà solo dopo che il ministero pubblicherà sulla “Gazzetta Ufficiale” l’avviso contenente l’elenco dei revisori. Dopo che l’ente locale ha informato la Prefettura della provincia di appartenenza, dell’imminente scadenza dell'incarico del proprio organo di revisione - almeno 15 giorni di anticipo nel primo mese di effettivo avvio del nuovo procedimento di scelta e, successivamente, almeno due mesi prima della scadenza stessa - la Prefettura comunica agli enti locali interessati il giorno in cui si procederà alla scelta dei revisori presso la sede della Prefettura. Sul punto, la circolare precisa che per gli organi di revisione contabile in scadenza prima della data di effettivo avvio del nuovo procedimento, vige la prorogatio e quindi proseguono la loro attività per 45 giorni dopo la scadenza del mandato triennale. Scaduta la prorogatio, i revisori continueranno a essere nominati secondo il procedimento ex art. 234 Tuel, ovvero dal consiglio comunale. Diversamente, le nuove regole di estrazione a sorte valgono per i procedimenti di rinnovo che non si sono conclusi alla data di effettivo avvio a regime.  Il documento approfondisce la questione “nomine” con riferimento agli enti locali che appartengono alle regioni a statuto speciale e alle province autonome di Trento e Bolzano. La nuova procedura di estrazione a sorte non si applica a tali enti, fino a quando non avranno legiferato recependo le previsioni della normativa statale, salva l’ipotesi in cui siano gli stessi statuti a disporre che, in assenza di normativa regionale in merito, si applica quella statale (Fonte AIDC).  

02-04-2012 - Candidature dei revisori negli EELL. - E' il 4 aprile 2012 il termine entro cui i dottori commercialisti ed esperti contabili, che non hanno mai presentato la richiesta per diventare revisore contabile presso un ente locale, sono chiamati ad inoltrare la propria candidatura all'ente prescelto. Lo afferma, con la nota informativa n. 28 del 30 marzo 2012, il Presidente Cndcec, Siciliotti, in una lettera inviata ai Presidenti dei Consigli degli Ordini, ricordando che l'adempimento è richiesto dall'articolo 4, comma 2, lettera a) del decreto del Ministero dell'interno 15 febbraio 2012, n. 23. A regime, la richiesta, per essere inseriti nell'elenco dei revisori degli enti locali, va presentata per via telematica al Dipartimento per gli Affari interni e territoriali del ministero stesso, entro il termine indicato nell'apposito avviso che sarà pubblicato nella “Gazzetta Ufficiale” oltre che sul sito del ministero. Per quanto riguarda gli aspetti critici che presenta l'emanato decreto n. 23/2012, la nota Cndcec aggiunge che interventi diretti a richiedere opportune modifiche della normativa saranno decisi e operati nelle sedi apposite (Fonte AIDC).

24-03-2012 - Certificato del bilancio preventivo anno 2012. - Il DM di MinInterno del 16 marzo 2012 (pubblicato in GU 70 del 23 marzo) ha approvato i modelli di certificato del bilancio di previsione per l’anno 2012 degli EELL. Essi dovranno essere compilati e trasmessi entro il 31 luglio 2012. Ricordo che sono obbligati all’invio della certificazione le Provincie, i Comuni, le Comunità montane e le unioni di Comuni

07-03-2012 - Decreto milleproroghe ed Enti Locali. - Ecco le novità più rilevanti del milleproroghe che riguardano gli EELL. a) Le regioni che non hanno elaborato un piano di rientro del deficit sanitario (esse sono la Valle d'Aosta, il Trentino, la Lombardia, il Veneto, il Friuli V.G., l'E. Romagna, la Toscana, l'Umbria, le Marche e la Basilicata) potranno coprire i debiti della sanità generati sino al 31 dicembre 2011, con la vendita di immobili. b) Prorogata sino al 30 giugno 2012 la facoltà di utilizzazione straordinaria del proprio studio professionale per l'esercizio dell'attività libero-professionale intramuraria. c) Taxisti ed abusivismo. Prorogato al 30 giugno 2012 il termine entro il quale deve essere emanato il decreto che ha come scopo quello di impedire l'esercizio abusivo del servizio di taxi e di noleggio con conducente. d) Assunzioni nella PA. Non si applicano le disposizioni del DL n. 98 del 2011, che dispongono la nullità di diritto dei provvedimenti in materia di personale adottati dalle pubbliche amministrazioni in base a disposizioni di cui sia stata successivamente dichiarata l'illegittimità costituzionale. e) AATO. Prorogato al 31 dicembre 2012 il termine per il passaggio delle funzioni di erogazione dei servizi pubblici locali dalle Autorità d'ambito territoriale ai nuovi soggetti individuati dalle Regioni. f) Contabilità degli EELL. Prorogato al 31 dicembre 2012 il termine per l'emanazione dei decreti attuativi in materia di sistemi contabili. g) Prorogato di nove mesi il termine assegnati ai piccoli comuni per adempiere l'obbligo di esercizio in forma associata delle funzioni fondamentali (comuni con popolazione compresa tra mille e 5mila abitanti). h) Comuni e società partecipate. Prorogato anche in questo caso di nove mesi l'applicazione di disposizioni concernenti la riduzione dei costi relativi alla rappresentanza politica nei Comuni, la razionalizzazione dell'esercizio delle funzioni comunali e la liquidazione di società partecipate dai Comuni. i) Prorogato al 31 dicembre 2011 il termine per deliberare, per l'anno di imposta 2011, l'aumento o la diminuzione dell'aliquota dell'addizionale regionale all'Irpef. l) Bilancio di previsione 2012. Il termine di approvazione slitta al 30 giugno 2012. 

05-03-2012 - Le verifiche dei revisori (07). - La crisi finanziaria ed economica non esclude certamente i Comuni di cui siamo revisori ed i suoi cittadini. Ritengo che anche un solo generico richiamo ad una attività di vigilanza da parte del revisore, al Responsabile del Servizio, sia quanto meno opportuno. io verbalizzo quanto segue: "... Con riferimento alla potenziali ristrettezze del Comune dovute al perdurare della crisi economica, lo scrivente ha raccomandato di continuare ad effettuare il puntuale e stretto monitoraggio delle entrate e delle uscite del Comune...."

16-02-2012 Albo Revisori. - I commercialisti che intendono iscriversi nell’elenco dei revisori dei conti degli enti locali dovranno presentare la loro domanda prima che entri in vigore il nuovo decreto del ministero dell'Interno, altrimenti non potranno più farlo. A lanciare l’appello è Giosuè Boldrini, Consigliere nazionale dei commercialisti con delega agli enti locali, che spiega che, secondo fonti ministeriali, il decreto in grado di stabilire i criteri per l’inserimento degli interessati nell’elenco da cui verranno scelti con estrazione i revisori dei conti degli enti locali, è prossimo all’emanazione e le sue disposizioni dovrebbero entrare in vigore 15 giorni dopo la sua pubblicazione in “GU”, senza attendere il decorso dei 9 mesi dall’entrata in vigore del decreto legge n. 138/2011, come previsto dal Dl c.d. "Milleproroghe", in corso di conversione. Di conseguenza, il Ministero procederebbe alla formazione immediata del nuovo elenco, cosicché una volta ultimato tale adempimento, anche prima del decorso dei nove mesi, il nuovo sistema di nomina entrerebbe in pieno vigore. Secondo Boldrini, dunque, saranno iscritti all’elenco solo i dottori commercialisti che avranno già presentato la domanda. Pertanto, tutti gli interessati sono invitati a presentare istanza per svolgere la funzione in un organo di revisione degli enti locali, direttamente al comune o alla provincia d’interesse, al fine di dimostrare il possesso dei requisiti richiesti dalla Dl 138/2011, che testualmente prevede all’articolo 16, comma 25, lettera B), che gli interessati abbiano “in precedenza avanzato richiesta di svolgere la funzione dell’organo di revisione degli enti locali”. (Fonte AIDC)

13-02-2012 - Bilancio di previsione 2012, termine. - Il termine per l'approvazione dl bilancio di previsione è stato portato al 31 marzo 2012 pv con decreto del Ministro dell’interno del 21 dicembre 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.304 del 31 dicembre 2011. 

10-02-2012 - Le verifiche dei revisori (06). - Raccomando in occasione della verifica trimestrale di porre sempre attenzione all'allineamento dell'avanzo di bilancio rispetto al saldo di cassa risultante dalla tesoreria (devono essere di importo abbastanza vicino). Nel caso in cui il primo sia più basso del secondo deve farvi allertare in merito alla possibilità che l'amministrazione comunale corra il rischio di spendere soldi che in realtà non sono suoi. E' il caso della presenza di contributi provinciali-regionali che, già incassati, devono essere "girati" agli aventi diritto.  

18-01-2012 - Le verifiche dei revisori (05). - Durante le mie verifiche mi assicuro che la responsabile del servizio finanziario compia i controlli in materia di "filtro fiscale". Ricordo che il "filtro fiscale" è il meccanismo attraverso il quale Equitalia chiede al Comune di "dirottare" eventuali pagamenti a suo favore in caso di debenza (verso Equitalia) da parte del creditore. Non ho uno schema preciso, verbalizzo quanto segue: "... Per quanto riguarda il punto posto all’ordine del giorno il revisore ha preso atto che il comune, ha posto in essere le procedure essenziali che assolvono l’obbligo...".

14-01-2102 - Nomina dei revisori. - I revisori verranno nominati con le vecchie regole. Infatti sono scaduti tutti i termini per l'adozione dei regolamenti a suo tempo previsti con la manovra estiva (Fonte sole24 ore del 31 dicembre 2011): meno male, una norma assolutamente "fuori luogo non è entrata in vigore... 

30-11-2011 - Assestamento di bilancio. - Oggi è l'ultimo giorno per i Comuni per effettuare l'assestamento di bilancio. E' necessario il parere del revisore in merito.

18-11-2011 - Nomina dei revisori. - Ieri dovevano essere emanati i decreti attuativi della riforma dei criteri di nomina dei revisori degli EELL, ma non se ne è vista traccia, attendiamo fiduciosi.

15-10-2011 - Nomina dei revisori. - Un sistema che funziona bene ha sempre necessità di essere complicato: è il caso delle nomine dei revisori degli EE.LL.. Ragion per cui il governo è interventuo a modificarlo. Lodevole l'intento, (evitare che chi governa nomini il suo controllore), ma non era semplice e banale prevedere che il revisore venisse nominato dalla minoranza del consiglio comunale? Invece no; si è proceduto ad elaborare una norma complicata i cui decreti attuativi verranno pubblicati verso metà novembre, vedremo.

30-09-2011 - Equilibri di bilancio. - Entro oggi scade il termine per la verifica degli equilibri di bilancio. 

21-09-2011 - Invio dei questionari alla Corte dei Conti. - Dopo rinvii e problemi alle piattaforme tecnologiche della Corte dei Conti scadeva oggi il termine per procedere all'invio dei questionari relativi al Rendiconto 2010 ed al Preventivo 2011. 

07-09-2011 - Le verifiche dei revisori (04).  La verifica della positività del DURC è un momento importante che i comuni devono osservare prima di effettuare i pagamenti ai propri fornitori di beni e servizi. "....Per quanto riguarda il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), il revisore ha raccomandato al ragioniere di continuare a procedere in maniere rigorosa alla verifica della sussistenza qualora necessario, e procedendo a richiederne copia ai soggetti interessati. Il Durc viene regolarmente richiesto alle aziende interessate e di ciò la ragioneria ha dato ampia rassicurazione in merito. Il revisore ha poi preso visione di una campionatura di pagamenti (ALLEGATO ___) verificando anche in questo caso il rispetto della normativa.

30-07-2011 - Federalismo fiscale. - "Finalmente anche l’ottavo e ultimo decreto attuativo del Federalismo fiscale ha ottenuto il placet del Consiglio dei Ministri. Nella seduta del 28 luglio 2011, il provvedimento su “premi e sanzioni” per gli amministratori locali ha ricevuto l’approvazione definitiva, consentendo al complesso mosaico della riforma federalista di completarsi nelle sue parti fondamentali. Con tale decreto, si introduce il principio della responsabilità politica con la sanzione dell'incandidabilità per un periodo di 10 anni nei confronti dell’amministratore che porta al dissesto economico. Introdotto anche il principio dei costi e dei fabbisogni standard per i ministeri, con la possibilità della sfiducia individuale per i ministri che non rispettano l'equilibrio dei conti. Prevista anche la relazione di fine anno per tutti i livelli, una sorta di inventario che gli amministratori uscenti lasciano per quelli subentranti e, inoltre, l’acuirsi delle sanzioni in caso di mancato rispetto del Patto di stabilità. Nel testo del decreto approvato in via definitiva, per chi non rispetta il Patto, oltre alle sanzioni esistenti, è previsto un taglio al fondo di riequilibrio, pari al massimo al 5% delle entrate correnti. Per Comuni e Provincie, l’avvio delle nuove sanzioni è previsto in forma retroattiva: cioè, già nell’ipotesi di mancato obiettivo di finanza pubblica nel 2010 senza attendere il 2014, come previsto nella versione originaria del decreto legislativo". (Fonte Associazione Italiana Dottori Commercialisti). 
 

25-07-2011 - Certificato al bilancio di previsione: rinvio. - Con Decreto dell'11 luglio scorso, il Mininterno ha provveduto a differire i termini al 3 ottobre 2011 per la trasmissione tramite posta elettronica del certificato del bilancio di previsione per l'anno 2011 da parte degli enti locali.

30-04-2011 - Le verifiche trimestrali dei revisori (03). -  Nella news di oggi vorrei proporvi il punto relativo alla verifica degli importi dell'ufficio anagrafe. E' abbastanza chiaro che tale analisi è di facile attuazione nei piccoli comuni. "... Chi scrive ha poi preso atto degli importi incassati dall’ufficio anagrafe, il quale ha prodotto l’elenco dei certificati emessi, degli incassi e si è preso visione delle reversali emesse (ALLEGATO ___). Si è proceduto ad effettuare la riconciliazione dei valori esistenti alla data odierna così come risulta dalla fotocopia del registro di carico e scarico (ALLEGATO ___)... Durante l’esame non sono emerse irregolarità di sorta".

15-04-2011 - Le verifiche trimestrali dei revisori (02). - Cosa analizzare durante la verifica trimestrale? Voglio portare il mio contributo ai colleghi elencando cosa è oggetto della mia analisi. I contributi in merito sono bene accetti. Proseguiamo con la verifica ai fini Iva. Dare un'occhiata anche alla parte iva del Comune è diventao da qualche anno a questa parte doveroso. Ecco il testo di ciò che verbalizzo (ogni testo deve poi essere adattato alla dimensione dell'Ente. "...  Relativamente alla liquidazione Iva del primo trimestre (mese) del 2011, essa è stata correttamente effettuata, prova ne sono le fotocopie allegate al presente verbale (ALLEGATO ___)... Dalla verifica non sono emersi elementi da segnalare." Ovviamente, potete allegare al verbale, se lo ritenete necessario, delle fotocopie di fatture oggetto di campionamento e controllo.

18-03-2011 - Prorogata l'approvazione dei bilanci preventivi. - Con decreto di MinInterno del 16 marzo scorso è stata disposta la prororga dei termini di approvazione entro cui gli enti locali devono deliberare il proprio bilancio di previsione. Il nuovo termine è stato fissato al 30 giugno 2011.

18-02-2011 - Le verifiche trimestrali dei revisori (01). - Cosa analizzare durante la verifica trimestrale? Voglio portare il mio contributo ai colleghi elencando cosa è oggetto della mia analisi. I contributi in merito sono bene accetti. Inizio oggi con il "saldo di cassa". E' a mio avviso opportuno effettuare l'analisi del saldo di cassa risultante dal conto del tesoriere, confrontarlo con quello del Comune ed effettuare un campionamento in merito. Ecco il testo di ciò che verbalizzo (ogni testo deve poi essere adattato alla dimensione dell'Ente. "... Per ciò che riguarda la verifica trimestrale di cassa al 31.12.2010, lo scrivente ha proceduto come suo solito constatando innanzitutto che, quadrano i dati contabili finali dell'Ente con quelli del tesoriere. La Responsabile del servizio Dott.ssa ______ ha proceduto a predisporre un documento di riconciliazione che è stato reperito ed allegato al presente verbale (ALLEGATO __). Lo scrivente ha poi proceduto, come d’abitudine, ad un esame a campione di alcuni mandati di pagamento ed alcune reversali di incasso verificando la corrispondenza di quanto pagato ed incassato all'esistenza di debiti e crediti. La documentazione raccolta a prova dell'avvenuto controllo forma parte integrante del presente verbale (ALLEGATO __).

01-02-2011 - Interessi degli enti non soggetti al patto di stabilità. -I Comuni non soggetti al patto di stabilità (ed i loro revisori) dovranno verificare che gli interessi passivi dei mutui in essere NON superino l'8% delle entrate correnti. Pena l'impossibilità di assumerne di nuovi.

20-01-2011 - Verifica trimestrale. - Il 31 dicembre 2010 è terminato il quarto trimestre 2010. E' quindi necessario procedere ad effettuare la abituale verifica trimestrale. In tale sede sarà opportuno prevedere una forma di controllo in materia di tracciabilità dei flussi finanziari degli appalti.

28-12-2010 - Presentazione bilancio di previsione. - Con Decreto del Ministro dell'Interno, è stato prorogato al 31 marzo il termine per la deliberazione in merito al bilancio di previsione 2011. 

18-12-2010 - Taglio ai compensi dei revisori. - La Corte dei Conti della Toscana ha decretato (delibera 204/2010) che il taglio del 10% dei compensi negli enti locali riguarda sia i vecchi che i nuovi revisori dei conti. Una decisione non condivisibile ma alla quale adeguarsi. Ne resteranno coinvolti anche coloro che, in passato avevano già adeguato i loro compensi al ribasso. A riprova del fatto che in Italia bisogna sempre attendere la "zona Cesarini" prima di osservare le norme...

04-12-2010 - Turn over. - La corte dei conti a sezioni riunite, ha sancito con delibera n. 52/2010, che "gli enti non soggetti al patto di stabilità possono assumere personale a tempo indeterminato su tutti i posti non coperti derivanti da cessazioni di anni precedenti purhè rispettino i limiti di spesa dell'anno 2004". 

30-11-2010 - Assestamento di bilancio-parere. - In questa data andrà presentato il parere del revisore in merito all'assestamento del bilancio, bisogna quindi contattare i responsabili del settore per concordare l'esame della documentazione.

15-11-2010 -  TIA. Con circolare n. 3 dell'11 novembre 2010 del Dipartimento delle Finanze, è stato chiarito che la TIA non ha natura tributaria. I Comuni potranno quindi introdurre la TIA "Ambiente".

08-10-2010 - Verifica trimestrale. - Il 30 settembre scorso è terminato il terzo trimestre 2010. E' quindi opportuno iniziare a pianificare l'appuntamento con i resposabili del settore per effettuare l'abituale verifica trimestarle di cassa.